Yellow Days: So Terrified Of Your Own Mind è il suo nuovo brano

0
195
yellow days

Lo abbiamo conosciuto con la sua prima performance tre anni fa, oggi torna a far battere il cuore con il suo nuovo singolo So Terrified Of Your Own Mind. In poco tempo ha sfornato molte idee e tanta musica, il cantante ha solo ventuno anni e sta già calando la vetta del successo. Ormai gli studi di Colors sono la sua seconda casa e il pubblico attende le sue canzoni che affrontano sempre temi importanti. Direttamente dall’Inghilterra: Yellow Days.

Yellow Days: chi è l’artista?

All’anagrafe George van de Broek, Yellow Days è un giovanissimo musicista nato all’alba del nuovo millennio e proveniente da Haslemere, cittadina di diecimila abitanti a sud dell’Inghilterra. All’età di sedici anni sigla un contratto con Good Years, etichetta che pubblica il suo primo EP intitolato Harmless Melody. Il suo primo lavoro comprende sette tracce dal tono innocuo, lento e rilassante. Il tutto riscaldato dalla sua voce graffiante.

2017 la svolta

Il 2017 è l’anno dell’esordio.  Is Everything Ok in Your World? E’ fin da subito un successo. Nell’album, ci si rende conto e si conferma che la proposta di Yellow Days è valida e il ragazzo di soli ventuno anni forte. La sua musica è duttile e fantasiosa, l’artista ha la capacità di passare da un genere ad un altro senza far pesare il cambio al pubblico che lo ascolta. La sua sensibilità per la salute mentale e l’impegno a creare musica esistenziale di crisi millenaria lo porta nella categoria contemporanea pop, ma Yellow Days rende chiaro omaggio alle icone R&B e funk nere.

Il suo ultimo album

Il suo ultimo album si intitola A day in a yellow beat ed è uscito lo scorso 18 settembre. Tra i brani, quello che sta avendo più successo sembra essere So Terrified Of Your Own Mind. In un set azzurro cielo, il talentuoso soulman di Manchester suona la sua musica. A Day in a Yellow Beat è il suo terzo album e primo per Sony/RCA in Nord America.


Spike Lee: musical in cantiere, riguarderà il Viagra

Captain Beefheart: una musica profonda

Commenti