Man In The Dark – recensione del thriller/horror di Fede Alvarez

"Man In The Dark" è un film thriller/horror ricco di originalità e capace di mantenere la tensione molto alta fino alla fine. Ecco la recensione dell'opera.

0
1504

“Man In The Dark” è un film thriller/horror diretto da Fede Alvarez, sceneggiato a quattro mani con Rodo Sayaguares e prodotto (fra gli altri) da Sam Raimi. Il cast include: Jane Levy, Dylan Minnette, Daniel Zovatto, Stephen Lang ed altri interpreti. Stando a quanto dichiarato dal regista, l’opera potrebbe avere prossimamente un sequel: Alvarez ha infatti affermato di aver avuto “la sua migliore idea di sempre” su come realizzare un seguito della pellicola. Inutile sottolineare quanto successo ottenne in seguito al suo rilascio dal momento in cui si parla dell’eventualità di un sequel.

TRAMA: Alcuni ragazzi provenienti da un quartiere povero vivono di espedienti criminosi ed hanno messo su una banda di ladruncoli: alcuni sono soddisfatti di questa vita, altri vorrebbero andare via e vivere invece nella legalità. Tutto cambierà, però, quando i ragazzi decidono di derubare un veterano della Guerra del Golfo rimasto cieco sul campo: quella che sembrava una vittima facile è invece una persona senza scrupoli, con abilità nel combattimento ed un carattere temprato da un vissuto inimmaginabile. Riusciranno ad uscire vivi dal campo di battaglia dell’ex soldato?

Recensione “Man In The Dark”

Il soldato in congedo e la banda di ragazzi costretta a vivere di furti per sopravvivere sono due elementi che incontriamo spesso nelle sinossi di film, ma praticamente mai insieme; entrambe, inoltre, farebbero pensare di più ad un film drammatico, sicuramente non ad un thriller/horror. Uno dei maggiori punti di forza di “Man In The Dark”, infatti, è proprio questo: partire da elementi decisamente originali per un film di questo genere e costruirci poi una trama ad alta tensione, ricca di una violenza mai separata dal lato psicologico e soprattutto capace di sorprendere fino alla fine con i colpi di scena. Tutti i personaggi, incluso il vero villain, hanno infatti sia dei lati prevedibili che dei lati assolutamente inaspettati, e questo riesce ad aggiungere molto mordente ad un’opera che basa la sua essenza proprio su un continuo ribaltamento di ruoli.

L’orrore di “Man In The Dark” si svolge quasi tutto in un’abitazione, un luogo in cui non solo le apparenze sinistre vengono confermate ma si paleserà presto perfino un incubo ancora maggiore di quello che si era palesato nella sinossi, e che aggiungerà delle motivazioni completamente inaspettate alla ferocia narrata. All’ottima sceneggiatura si aggiungono una regia perfetta, capace di instillare una tensione palpabile nello spettatore, ed una recitazione di ottimo livello che rende perfettamente giustizia a dei personaggi solo apparentemente stereotipati. In definitiva si tratta di un film che promuoviamo a pieni voti, una delle migliori opere thriller/horror di questo decennio.

“Man In The Dark” è disponibile in streaming sulle piattaforme Rauken TV, Chili, iTunes, Google Play, YouTube, Infinity, Amazon Prime Video. Di seguito il trailer.

Leggi anche la nostra recensione di Cena Con Delitto Knives Out

Commenti