Doves “The Universal Want” – La colonna sonora per vite che cambiano

0
273
Cover dell'album dei Doves

The Universal Want dei Doves è un album che piace a chi i Doves li ha seguiti dall’inizio. Il gruppo ha pensato bene di riaffermare la loro posizione piuttosto che scuotere i propri fan e sorprenderli. Dopo aver trascorso gli anni 2000 a ritagliarsi una nicchia distintiva, non sono da biasima per aver mantenuto il loro sound. I fan ai loro ne saranno deliziati, si sentiranno, ancora una volta, completamente malconci. Come lo scorso anno, quando i Doves hanno suonato una serie di concerti dopo quasi un decennio di pausa. Il trio sembrava sorpreso dalla risposta “È esaurito!” ha commentato il frontman Jimi Goodwin della Royal Albert Hall. “Questo è incredibile.

Il ritorno dei Doves

Puoi capire la sua sorpresa: il mondo della musica rock e pop sembra notevolmente diverso da quello in cui i Doves sono partiti. Spotify era appena stato lanciato e le band indie britanniche hanno scalato le classifiche. Nonostante questo non si sono separati a causa del calo delle vendite o dell’indifferenza diffusa, e hanno trascorso gli anni 2000 occupando uno spazio curioso tutto loro all’interno dell’alt-rock britannico. Erano privi della vistosa consapevolezza dell’immagine delle band indie che hanno definito quell’era – e quasi un decennio più vecchi di loro.

Con il senno di poi, forse il successo dei Doves è dipeso dal fornire alla generazione acid house la stessa funzione che i cantautori degli anni ’70 hanno avuto per i boomers: offrire una colonna sonora alle vite che cambiano. Trentenni che non possono più farsi passare per giovani con la voglia di edonismo sopraffatta dalle attività quotidiane più banali e pressanti dell’età adulta.

Prima che fossero i Doves, il trio era Sub Sub, autori del successo disco house del 1993 Ain’t No Love (Ain’t No Use) . Anche nei momenti più allegri, le loro canzoni sembravano malinconiche e malinconiche: “Ti volti e la vita ti è passata accanto“, cantavano in There Goes the Fear. “Nelle città satellite non c’è colore né suono“, si lamentavano in Black and White Town.


Róisín Murphy “Roisin Machine” l’album che ci (ri)porta in discoteca


The Universal Want

L’apertura del nuovo album dei Doves, “Carousels” chiama i “sentimenti” e spiegherebbe sicuramente il calore che ha accolto il loro ritorno. Nonostante un paio di tracce che risalgono alla prima incarnazione della band, i testi sembrano in gran parte riprendere 10 anni dopo, più logori che mai. Un’impressione aggravata dalla voce di Goodwin, che ha assunto una patina piacevolmente ruvida, che rappresenta anche il tipo di preoccupazioni che tendono ad assalire le persone quando i 40 anni scivolano verso i 50.

For Tomorrow” suona ossessionato dalla difficoltà di mantenere la convinzione che le cose andranno meglio di fronte alla crescente esperienza di vita che suggerisce, invece, che peggioreranno. “Respireremo di nuovo, non più dolore, ameremo di nuovo“, canta Goodwin, aggiungendo tristemente: “Spero“.

I Doves lontani dal pubblico giovane puntano sul pubblico acquisito

È tutto sentito, ben fatto e si sente che è il lavoro di una band più interessata a consolidare il proprio pubblico originale che a tentare di attirare gli adolescenti lontano da Joel Corry e TikTok. Ci sono solo accenni occasionali di contemporaneità, come una linea di basso dubstep su Carousels o una voce deformata e Auto-Tune in I Will Not Hide. Chitarre distorte ad arco, i tamburi che tendono verso schemi sincopati molto vicino al breakbeat del classico di Haçienda Space Face di Sub Sub del 1991, il pianoforte su Mother Silver Lake ha un netto accenno di Italo-house della fine degli anni ’80. Vecchi trucchi che però funzionano.

Doves – The Universal Want – Tracklist

Commenti