Chi è Isabella Turso sul Red carpet di Venezia 77?

0
812
Isabella Turso
Chi è Isabella Turso sul Red Carpet di venezia 77

Uno dei momenti più apprezzati alla 77ma Mostra Internazionale del Cinema di Venezia e stato WiCA/Woman in Cinema Award.

Isabella Turso
Isabella Turso

Il premio che vuole contribuire al riconoscimento del ruolo delle donne nel cineme alla visibilità delle donne all’interno dei più importanti Festival del Cinema.

L’evento è stato condotto dall’autrice e scrittrice Claudia Conte e i riconoscimenti sono conferiti da un’Academy tutta al femminile composta da giornaliste di cinema:

Fulvia Caprara, Alessandra De Luca, Titta Fiore, Alessandra Magliaro, Chiara Nicoletti,

Cristiana Paternò, Angela Prudenzi, Barbara Righini, Marina Sanna, Stefania Ulivi).

Premiati

L’evento parte da Venezia 2020 ha premiato, tra gli altri, l’autrice e conduttrice radiofonica Chiara Tagliaferri e il regista tedesco Christian Petzold.

Isabella Turso

Ospite speciale dell’evento è stata Isabella Turso, considerata una delle compositrici e pianiste più rappresentative di stile neoclassical new-age.

Isabella affronta il repertorio di musica classica con la stessa disinvoltura con cui attraversa il jazz, il rock, il pop e il rap restando ostile ad ogni etichetta e possiede

la sensibile capacità di evocare immagini e sensazioni con la sua musica,

traducendo l’astratto in un linguaggio cosmopolita accessibile a tutti.

Discografia (Isabella Turso)

Recentemente, è uscito il remix di SLIDING DOORS , il singolo, seguito dal videoclip, della pianista e compositrice ISABELLA TURSO remixato da Alex Uhlmann,

(Planet Funk, David Morales) e dal produttore Luca La Morgia (Get Loud Studio),

il cui brano originale fa parte del suo album di inediti“BIG BREAK”(Bluebelldisc).

Red Carpet

In occasione della premiazione Isabella vestiva un bellissimo abito di Eleonora Lastrucci,

sfilando in seguito sul Red Carpet del film “Notturno” di Gianfranco Rosi (rimasto nel frattempo all’asciutto di premi).

Un disco per pianoforte solo con il quale Isabella si racconta artisticamente soprattutto attraverso il suo personale stile,

frutto di una ricerca e di un percorso in cui recupera materiale tematico del passato rivisitato in chiave moderna,

in una cornice di impressioni evocative ed ambientalistiche, l’artista torna a far assaporare il suo impressionismo new age

nel segno del cambiamento e di una profonda riflessione sulla musica, la bellezza, sulla loro missione e il loro potere.


I migliori e peggiori film di Venezia 77


Commenti