Better Days: OneRepublic e Negramaro

0
813

Una collaborazione tra un artista italiano e uno straniero è sempre una bella presenza. Ne è stata una prova Ariana Grande, accompagnando un maestro intramontabile come Andrea Bocelli e un idolo dei giovanissimi quale è Fedez. In Italia si sta facendo ora avanti un nuovo fortunato, o meglio dei nuovi fortunati: i Negramaro. Il gruppo di Giuliano Sangiorgi collaborerà infatti con uno dei gruppi indie pop più famosi del mondo, i OneRepublic, con il loro grande singolo di ritorno. Si tratta di Better Days, uscito il 25 marzo, che verrà rielaborato in un duetto tra i due gruppi. 

Gli OneRepublic si stanno preparando per tornare con il loro quinto album in studio, che si intitolerà Human e uscirà quest’autunno. La band lo promuove da più di un anno, con ormai quattro singoli di promozione. Better Days ne è il quarto, pubblicato il 25 marzo di quest’anno. I numeri del loro ultimo album Oh My My, seppur positivi, non hanno raggiunto i fasti del passato.

Soprattutto erano lontani dalle glorie del 2013, con Native, in cui tutti ballavano e cantavano i successi I Lived, Love Runs Out e Counting Stars. Per quanto riguarda Human, Ryan Tedder lo descrive come “un album coerente, degli ultimi due anni”: sentimento non condiviso invece dalla creazione del duetto con i Negramaro, nato letteralmente dal fato. Da come l’evento viene raccontato, Ryan Tedder è entrato in contatto con Giuliano Sangiorgi attraverso un servizio della CNN dedicato all’Italia e alla situazione d’emergenza causata dall’epidemia in corso di Coronavirus. Si sono messi in contatto su Instagram, e dalla loro collaborazione è emerso Better Days.

Gli OneRepublic

Il duetto uscirà questo venerdì 29 maggio. Nell’attesa si può riscoprire l’originale Better Days, una ballad che mette in mostra tutto l’ignorato talento di Ryan Tedder e compagni e rivela perché è ancora prematuro considerarli andati e dimenticati. È un brano molto rilevante, dedicato alla sensazione di solitudine e monotonia che ha caratterizzato e caratterizza ancora questo periodo di distanziamento sociale. Ma nello spirito della band, Tedder ispira a tenere la testa alta e non abbandonare la speranza in giorni migliori. La traccia, una midtempo ben ritmata e lontana dalla noia in cui a volte ricade l’indie, coinvolge e trascina come ci si sarebbe aspettato. Forse qualcuno può classificare l’impegno della band come una semplice mossa commerciale, ma non è escluso che qualcuno possa effettivamente averne tratto conforto. Si consiglia quindi di ascoltarla, per far passare prima le giornate – e aspettare tutti assieme l’arrivo del duetto con i nostri Negramaro.

Commenti