XF2020 agli home visit: le performance più belle

0
2432
XF2020, finiti gli Home Visit

XF2020 sta per entrare nel vivo, con la conclusione degli home visit. Le squadre sono fatte, i giudici sono carichi. Ecco alcune delle performance più belle dell’ultima diretta.

XF2020, home visit: dove andiamo adesso?

Ultima chiamata, ultima selezione – che riduce i concorrenti di XF2020 al ristretto numero di dodici. La controversa decisione di Emma di eliminare Roccuzzo, il concorrente favorito della categoria Uomini Under, fa partire la sua squadra sotto una stella negativa. Senza togliere nulla a Blue Phelix, Blind e Santi, il terzetto scelto per portare avanti la categoria. Così parte la nuova edizione di X Factor – che presenta alcune delle cover più belle dell’edizione corrente. 

MYDRAMA: perché Dio$ No$ Libre del Dinero?

XF2020 è all’insegna delle proposte particolari, e gli home visit esprimono al massimo questo proposito. Casadilego era da sempre una delle favorite per la vittoria, e con la sua voce cristallina si è guadagnata il suo posto nella squadra di Manuelito a ritmo di 21 Pilots. Stesso per la sorprendente CMQMartina, che sceglie una traccia minore di Jovanotti e vi costruisce sopra una melodia pop e irresistibile. Ma per quanto riguarda la scelta della cover è MYDRAMA a centrare il bersaglio, perché con Rosalìa non si può sbagliare. Dio$ No$ Libre del Dinero significa Dio Ci Liberi Dal Denaro, e con un titolo del genere l’anima ribelle e disinvolta di Rosalìa è completamente libera. Dio ci liberi dal denaro, perché controlla ogni cosa. Essendo spagnola, Rosalìa non fa riferimento al verde del dollaro, ma al rosa dei cinquecento euro: il sentimento non cambia, le banconote sono inquietanti e invadenti in tutti i campi. Lei stessa finisce col desiderarlo, si sente parte del loop negativo. Per questo richiama Dio, l’unico che subito e presto può liberarsi di quel male sottile. Rielaborata dalla voce rauca di MYDRAMA, la traccia riafferma la sua eleganza e si presenta come un prodotto d’autore, ma anche mainstream. Dio$ No$ Libre del Dinero è stata rilasciata prima di El Mal Querer, l’album che ha consacrato Rosalìa. Fa parte di un singolo intitolato Fucking Money Man assieme a Milionària

N.A.I.P.: alla riscoperta di Franco Battiato

Eda Marì e Vergo sono cantanti moderni, che XF2020 e gli home visit promettono di valorizzare. Lei delicata e timida, lui etereo e romantico, che rimbalzano leggeri dalla trap al pop. N.A.I.P. si muove su tutt’altra strada, presentandosi con il nonsense divertente, ma provando di saperci fare anche con gli strumenti. O con i classici, come Bandiera Bianca di Franco Battiato. Con la sua prima cover, Nessun Artista In Particolare dimostra di essere persino più versatile di quanto si pensasse. Si capisce subito, dacché dice Mr. tamburino, che la canzone gli sta bene addosso. Il suo timbro cavernoso valorizza la canzone, accelerata e caricata di pacchiane tinte western. L’album da cui proviene, La Voce Del Padrone, fu rilasciato nel 1981 ed è considerato dei più grandi album della storia della musica italiana. Il ritornello di Bandiera Bianca riprende inoltre la poesia L’Ultima Ora di Venezia, scritta da Arnaldo Fusinato nel 1849. Il poeta era volontario nella difesa di Venezia, e dedicò la poesia alle insurrezioni tenutesi il 16 marzo dell’anno precedente contro l’invasore austriaco. Una battaglia persa, conclusasi con la resa il 22 agosto. Come anche la battaglia ideologica combattuta da Battiato, contro i mali della società contemporanea e la progressiva commercializzazione di icone come Vivaldi e Beethoven. Un pensiero insolito da portare sul palco di un talent show – ma si è ormai capito che N.A.I.P. è tutto fuorché tradizionale. 

Melancholia: la psichedelia a XF2020 negli home visit

Lo sapevano tutti, persino i gruppi loro avversari. La voce possente dei Manitoba e l’energia garage rock dei Little Pieces of Marmalade sono elementi caratterizzanti irripetibili, che aiutano a fare della squadra di Manuel la più forte della stagione. Ma i Melancholia sono su un altro livello, con una presenza alt-rock che li rende quasi sprecati per il palco di un talent show. Sicuramente una cover dei Jefferson Airplane è a loro molto più appropriata della trap che hanno provato alle audizioni, e con White Rabbit non hanno deluso. Le reinterpretazione di Alice Nel Paese delle Meraviglie sono all’ordine del giorno: nessuna è però così psichedelica, letteralmente. Classificatasi ottava nella classifica pop, rappresenta un momento cruciale nella vita della vocalist Grace Slick. Erano gli anni cinquanta, le donne erano relegate in prevalenza al ruolo di casalinghe – quanto l’avrebbe voluto lei, un buco del coniglio dove gettarsi. Il rock fu per lei quel buco, e gli acidi il Paese delle Meraviglie che con tanta bramosia viene a scoprire. Ecco che psichedelia, bolero spagnolo e Miles Davis si fondono in una traccia iconica, che nessuno potrebbe mai dimenticare e che i Melancholia rilanciano senza perdere colpi. 


Saranno sicuramente loro i favoriti dell’edizione XF2020, si capisce conclusi gli home visit: e non è escluso che la vittoria gli caschi in mano.

Commenti