Woody Allen: la fortuna è tutto – La sua intervista al Daily Mail

0
438
Woody allen la fortuna è tutto


Rainy Day a New York
è il film più redditizio dell’ultima settimana al botteghino globale (tra i pochi che sono usciti): per Woody Allen la fortuna è alla base di tutto, come sottolinea anche nella sua biografia A proposito di niente. Questo è quello che emerge dall’intervista al Daily Mail nei giorni scorsi dal regista ormai 84enne.

Woody Allen e #MeToo

L’argomento alla base delle prime domande è sempre lo stesso. Soprattutto dopo che la figlia adottiva Dylan Farrow ha ripetuto recentemente, in un’intervistsa, di aver ricevuto molestie dal regista. E dopo lo scandalo degli abusi sessuali, del movimento #MeToo, del rifiuto della casa editrice di pubblicare la sua biografia, A proposito di Niente, il successo al botteghino potrebbe essere una rivincita. Ma lui, l’Allen anaffettivo, quello ironico quasi all’antipatia risponde sospirando al giornalista ‘Non mi sento giustificato perché questo implica che ero preoccupato e – non vorrei sembrare insensibile – ma non lo sono. Naturalmente sono consapevole di essere oggetto di pettegolezzi e scandali, ma non posso lasciarmi disturbare. Vivo la mia vita. Io lavoro. Suono il jazz. Guardo gli sport. Vedo i miei amici. Non alzo lo sguardo e non leggo nulla.” E dopo una pausa aggiunge: “È stata una falsa accusa ma una grande storia per i tabloid”.

Innocente fino a prova contraria

Indipendentemente da ciò che dice, e nonostante le indagini del Dipartimento dei servizi sociali di New York e dell’ospedale Yale New Haven che lo hanno esonerato dalle accuse di abuso, la domanda continua a dividere l’opinione a Hollywood. Attori tra cui Scarlett Johansson, Kate Winslet, Alec Baldwin, Javier Bardem e la sua ex compagna Diane Keaton hanno continuato a difendere il regista. Ma altri, tra cui la regista femminista Greta Gerwig, lo hanno condannato pubblicamente.

La trama di A Rainy Day a New York coinvolge una ragazza ingenua che diventa oggetto di attrazione per tre uomini: un regista di film che invecchia, uno scrittore di mezza età (interpretato da Jude Law) e un attore giovane e attraente. Il suo vero fidanzato (Chalamet) viene lasciato in attesa e si innamora della sorella di un’antica vecchia fiamma. Non sorprende che molti pensino che Allen stia giocando con il fuoco scegliendo un tale soggetto in un momento in cui #MeToo è ancora sulla bocca di tutti.

A Rainy Day a New York e Amazon

La sua vita è andata avanti come sempre. Scrive su una macchina da scrivere color senape, non ha un computer, un telefono cellulare o usa i social media. Il suo indirizzo può essere trovato su Google, qualcosa che trova strano ma per nulla inquietante. Continua a suonare il clarinetto con una band jazz con periodi regolari al Carlyle Hotel di New York e va alle partite di baseball e basket in città.

Anche quando Amazon ha annullato l’accordo per il suo film, e tutta Hollywood gli abbia voltato le spalle non si è preoccupato.

E del resto di cosa avrebbe dovuto preoccuparsi? Come comico, attore e regista, Allen è stato considerato un genio eccentrico. Ha vinto quattro Oscar, ottenendo il record di 16 nomination come miglior sceneggiatore e dieci Baftas, anche se rifiuta sempre di ritirare qualsiasi premio di persona.


La ruota Delle Meraviglie – cast, trama, info del film di Woody Allen


Woody Allen – A proposito di niente

woody allen a proposito di niente

Non ho mai fatto parte del club di Hollywood‘ ha detto. E lo ha scritto anche nella sua biografia, A proposito di niente. “Non vado alle feste. Non mi interessa il botteghino o i premi. Vincere un Oscar per me ha ben poco significato oltre la pratica. Il primo film che ho scritto, What New Pussycat?, ha avuto un incredibile successo, ma è stato un mucchio di cianfrusaglie e un imbarazzo per me. Non mi sento ancora di aver girato un grande film come Federico Fellini o Ingmar Bergman, niente come The Seventh Seal o The Bicycle Thief. Non smetterò di provare perché, sebbene abbia avuto un discreto successo, non mi sono mai soddisfatto artisticamente.”

Non fai un film per vincere un premio. Mozart non ha mai composto una sinfonia pensando a un trofeo.’

Commenti