Valentina Rizzi: musica senza confini

0
920
Valentina RIzzi: cover

Patita di musical e poliedrica come pochi, Valentina Rizzi comincia il proprio viaggio nella musica quando Mondo Marcio la chiama come corista per una tournèe.

Come sei finita a fare da corista a Mondo Marcio per la durata di una tournèe?

“Scrivevo già canzoni e mi esibivo in giro per Milano. Usavo molto i social e un membro della band di Mondo Marcio, Cristian Francioni, mi notò e mi contattò. Marcio cercava una corista e Cristian gli girò alcuni pezzi miei. Mi chiamarono a fare delle prove e alla fine mi ingaggiarono per il tour”.

E che esperienza è stata quella della tournèe?

“Un’esperienza magica, di grande energia e insegnamento. Gestire le emozioni di grandissimi palchi come il Fabrique di Milano, ad esempio, è stata una botta di adrenalina che mi ha fatto pensare: ‘Okay, sto andando nella giusta direzione’”.

Quanto la musica di Mondo Marcio ha influenzato la tua?

“A livello di scrittura non particolarmente. Forse più a livello di sound. Io sono stata sempre particolarmente melodica e l’esperienza con lui ha fatto sì che mi aprissi a testi più ritmati e pieni di parole”.

“Addio (ti sto lasciando andare)”, il tuo ultimo singolo, è figlio di questa sopravvenuta maturità artistica?

“Questo brano è un ritorno alla me del passato. È molto melodico, malinconico”.

Saresti d’accordo se ti dicessi che questo è un brano che esorta a un’autodeterminazione dell’anima?

“Più che altro rivive la difficoltà di mettere un punto a una storia tossica. Il messaggio di fondo è che può succedere a chiunque, anche ai più forti, ma chiunque può uscirne”.

L’ho fatta io un po’ troppo complicata, in altre parole.

“La cosa bella della musica è che uno prende quelle due o tre frasi che, decontestualizzate, vogliono dire qualcosa per lui. Io tante canzoni le sento mie, ma in realtà non vogliono dire quello che penso. Prendo quelle due o tre frasi che mi rispecchiano e do alla canzone un significato tutto mio. Ci sta”.

Mi è piaciuto molto il video, nel quale vediamo ragazzi e ragazze che rivivono la propria delusione amorosa.

“Tutte le persone che vediamo nel videoclip sono state intervistate e hanno raccontato la propria storia in favore di camera. Gli sguardi e le risate che abbiamo inclusi nel videoclip fanno parte del racconto. E tutte queste interviste, tra l’altro, sono visibili su YouTube e sul mio profilo TikTok”.

La cover del pezzo è interessante, con i lineamenti del tuo volto del tutto assenti. Ce la spieghi?

“Si tratta di una piacevole coincidenza. Poco prima di ultimare la canzone sono stata da un’amica fotografa, Michela Mazzolini, che mi aveva chiesto di partecipare a un progetto fotografico. Ho posato per lei e quella foto, divenuta poi la cover del pezzo, non faceva parte del progetto. Riguardandola, però, era perfetta per la tematica del brano, tanto che ho deciso di utilizzarla come cover. Dà proprio quel senso di addio”.

Ho saputo che di recente hai registrato un pezzo proprio con Mondo Marcio.

“Sì, sta per uscire. La data prevista è l’11 marzo.”

E oltre a questa chicca?

“Oltre a questo, poi, più avanti arriveranno altre novità che non posso rivelare. Niente spoiler”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here