The Duke, come è nato il progetto di uno dei film più apprezzati di Venezia 77?

0
213
The Duke di Roger Michell
The Duke con Helen Mirren, Fuori Concorso Venezia 77

The Duke a Venezia 77.

E’ interessante capire come è nato il progetto di uno dei film più belli, presentato fuori concorso alla 77ma Mostra Internazionale del Cinema di Venezia.


The Duke con Helen Mirren, Fuori Concorso a Venezia 77


Lo ha rivelato Nicky Bentham, la produttrice di The Duke in un’ intervista alla Mostra di Venezia. Un giorno apre la sua casella di posta e trova due righe che raccontavano la storia incredibile di una famiglia del nord del Regno Unito. A Scriverlo era stato il nipote del personaggio principale della storia, un uomo sulla sessantina di nome Kempton Bunton. Cosa fece di così particolare quest’umile e ignoto signore? Rubò un quadro di enorme valore dalla National Gallery di Londra, con lo scopo di ottenere il canone gratuito della BBC per gli anziani indigenti inglesi. Nessuno aveva mai portato sullo schermo questa incredibile storia. Quel punto cosa è successo? Ce lo racconta Nicky Bentham:

Nicky Bentham

“Era troppo bello per essere vero, per cui ho verificato e sì, in effetti è andata proprio così. Siamo stati fortunati che i Bunton ci sottoponessero la storia e ci aprissero i loro archivi. Il figlio di Kempton, Jackie, è ancora vivo e ci ha rivelato ulteriori dettagli che vanno poi a costituire il finale del film. Con le lettere e i diari di Bunton avevamo tutto quello che serviva per raccontare una storia incredibile”.

la storia (The Duke)

Bunton è stato accusato di aver rubato un ritratto del duca di Wellington del grande pittore spagnolo Francisco Goya dalla National Gallery nel 1961. È stato recuperato quattro anni dopo, dopo che Kempton ha inviato una serie di note accentuate alle autorità e il Daily Mirror ha lanciato una campagna per trovarlo. Alla fine, Bunton ha inviato una lettera anonima al giornale con un biglietto per il deposito bagagli per la stazione ferroviaria di New Street di Birmingham, dove il ritratto è stato trovato in un armadietto. È diventato un’ evento sensazionale  quando è stato processato all’Old Bailey. La restituzione del ritratto di Goya arrotolato e senza cornice alla fine ha portato alla confessione di Bunton, sebbene sia stato scagionato dal furto del ritratto e incarcerato per tre mesi per il reato di furto della cornice.

Roger Michell

Parlando di kempton il regista a detto “Si tratta di un piccolo uomo che si alza in piedi e dice la verità al potere. E continua a far parte della cultura inglese: questa celebrazione dell’individuo eccentrico che porta con sé uno spirito di malizia in un atto rivoluzionario “.

Jim Broadbent

“Anche se sogna di diventare un drammaturgo alla Čechov, Kempton è un uomo un po’ grezzo, che in casa non fa nulla per aiutare la moglie, irresponsabile nei confronti della famiglia, che viene continuamente licenziato dai suoi lavori perché non sa tenere la bocca chiusa di fronte a ciò che non gli piace. Ma è anche gentile, e si oppone alle ingiustizie anche quando a rimetterci è lui,” ha commentato Jim Broadbent, il suo interprete. “L’equilibrio tra i suoi pregi e i suoi difetti sono quello che lo rende interessante, ed è un personaggio che mi auguro possiate trovare reale e non solo frutto di una finzione cinematografica”.

Il film è una storia puramente inglese, i dialoghi sono made in Inghilterra, ironico a volte comico, che ha come punto centrale in alcuni momenti gli sguardi. Non vi sono momenti di pausa anzi il film è dinamico, merito di Jim Broadbent (premio oscar 2002 per l’interpretazione in Iris-un amore vero, come miglior attore non protagonista), e Ellen Mirren due maestri della recitazione che danno  spessore ai personaggi da loro interpretati.  Grande successo di pubblico a Venezia, unanime nel definire The Duke un gran bel film. Unico rimpianto? Che non sia in concorso

Film da Vedere

Commenti