Ronald Bell: morto il fondatore dei Kool & the Gang

0
159
Ronald Bell in concerto

Quello che ha reso Ronald Bell l’icona che è rimane insuperato da molti. Fondatore dei Kool & the Gang, pilastro del funk e della disco music, titano musicale degli anni sessanta e settanta: il mondo della musica piange la sua morte, avvenuta questa mattina.  

Un’altra tragedia sconvolge il mondo della musica: un’altra icona se ne va, il genere disco-funk piange all’unanimità la caduta di una delle sue colonne. È stato annunciato questa stessa mattina che Ronald Bell detto “Khalis”, membro di punta dei Kool & the Gang, si è spento all’età di sessantotto annni. La notizia proviene da Sujata Murthy, addetto stampa dell’artista. Avrebbe compiuto sessantanove anni il primo novembre di quest’anno. Ancora non sono note le cause del decesso, verificatosi nella residenza di Bell alle Isole Vergini, accanto alla moglie Tia Sinclair.

Ronald Bell e i Kool & the Gang

Spirit Of The Boogie, il più iconico album dei Kool & the Gang (1972)

Si tratta della chiusura di un’era per gli amanti della black music, che vedono scomparire uno dei pilastri di una delle più grani band di tutti i tempi. Ronald Bell, o Khalis Bayyan se si vuole usare il suo nome musulmano, è nato a Youngstown nell’Ohio, e ha fondato i Kool & The Gang assieme al fratello Robert “Kool”. E per quanto riguarda la band in questione… anche chi non conosce nel profondo la musica funk è sicuramente familiare con i Kool & The Gang. O Kool and the Gang, com’erano chiamati fino al 1973. Era il sassofonista delle band, uno dei più importante della storia. 

Il repertorio dei Kool & the Gang è storia della musica, cantato e riportato in innumerevoli forme diverse. Il gruppo era immensamente poliedrico, capace di esporre e catturare mood e umori dei più diversi. La gioia pura, sfrenata, in Celebration e Get Down On It; la sensualità e sicurezza in Ladies’ Night, o magari un sex appeal più brusco e stravagante in Jungle Boogie. Memorabili i versacci, nell’ultima canzone, che contribuiscono a farla spiccare. Ma molto altro ancora, in un repertorio ormai cinquantennale al quale si sono riferiti innumerevoli artisti. Tra di essi i Tony!Toni!Toné!, gli Wham!, i Jamiroquai, Ray Parker Jr., e persino i Red Hot Chili Peppers e 2Pac. La fine di Ronald Bell è la fine di un capitolo, che ha lasciato un’impronta eterna nella storia. 

Commenti