“Smells Like Teen Spirit”: un miliardo di stream su Spotify

0
251
Smells Like Teen Spirit

L’inno dei Nirvana, “Smells Like Teen Spirit”, raggiunge e supera il miliardo di stream sulla celebre piattaforma.

“Smells Like Teen Spirit”: perché è così famosa?

Kurt Cobain scrive il testo e ne compone la musica con Krist Novoselic e Dave Grohl. Il singolo esce il 10 settembre 1991 ed è il primo estratto dell’album Nevermind. La struttura del brano è semplice. A fare la differenza ci pensa il ritornello che esplode come un colpo d’artiglieria pesante. Con il successo della canzone, i Nirvana divennero la band più popolare nel circuito del rock alternativo. La loro musica entra a far parte della cultura mainstream e Kurt Cobain si trasforma in un Bob Dylan moderno: un menestrello triste che si fa portavoce di una generazione. Il brano vince ben due MTV Video Music Awards e diviene l’inno della Generazione X.

“Smells Like Teen Spirit”: un inno per caso

“Stavo provando a scrivere la perfetta canzone pop. Fondamentalmente stavo provando a plagiare i Pixies”. È parte di un’intervista che Cobain rilascia a Rolling Stone nel 1994. Il cantante ammette che, quando inizia a scrivere il brano, non ha in mente un inno generazionale. Le sue aspettative sono di tutt’altro tenore. Cobain vuole solo emulare i Pixies, rock band da lui molto amata. All’inizio la band non era convinta del riff. Novoselic lo bollò come stupido. Nonostante ciò, i tre andarono avanti a suonarlo e la canzone prese forma. Il titolo, poi, è frutto di una notte di bagordi trascorsa da Cobain. Kathleen Hanna, l’amica che era con lui, scrisse su un muro “Kurt smells like teen spirit”.

Il titolo perfetto

L’intento di Kathleen Hanna era quello di ridicolizzare Cobain, ma il cantante non colse l’intento. Anzi, ne prese spunto, tirando fuori il titolo perfetto per il suo inno. Ed ora quell’inno raggiunge e supera il miliardo di stream su Spotify. Niente male, se consideriamo che la canzone nasce come un tentativo di emulazione.

Commenti