“Pirati dei Caraibi – Ai confini del mondo” capitolo tre

0
635
Pirati dei Caraibi - Ai confini del mondo
Orlando Bloom e Keira Knightley in Pirati dei Caraibi - Ai confini del mondo (Foto: Wallpaper Abyss)

Giovedì 16 aprile su Canale 5 va in onda il terzo capitolo della saga di Jack Sparrow: Pirati dei Caraibi – Ai confini del mondo. L’obiettivo di questa nuova avventura è ben chiaro: riportare il pirata tra i vivi e uccidere una volta per tutte Davy Jones.

Girato quasi contemporanemente con il secondo capitolo, Pirati dei Caraibi – La maledizione del forziere fantasma, riparte là dove il mondo era rimasto con il fiato sospeso. Dopo la morte di Jack Sparrow (Johnny Depp) per mano del Kraken, Elizabeth Swann (Keira Knightley) e la ciurma della Perla Nera, guidata ora da Barbossa (Geoffrey Rush) decidono di partire per recuperare il capitano, intrappolato in una sorta di limbo.

Sullo sfondo questa volta non c’è solo la Perla Nera però. Lo scenario d’apertura del film è infatti quasi da brividi. Con una canzone tenebrosa a fare da sottofondo, canticchiata tra la popolazione, si assiste ad un vero e proprio assassinio di massa. Lord Beckett ha infatti deciso di condannare a morte tutte quelle persone accusate di pirateria. Al tempo stesso, ordina a Davy Jones di distruggere tutte le navi pirata ancora in mare. L’inquadratura cambia, ora siamo a Singapore. Contro il potere spietato del Lord inglese resta solo che riunire i Nove Pirati della Fratellanza, e ai nostri protagonisti diventa importante l’alleanza di Capitan Sao Feng, un terribile pirata cinese, già in accordi con Beckett. Per convincerlo a tornare dalla parte dei pirati, Barbossa offre Elizabeth promettendo la liberazione della Dea Calypso, la dea degli abissi costretta in un corpo umano.

Pirati dei Caraibi - Ai confini del Mondo
Pirati dei Caraibi – Ai confini del mondo, Davy Jones. (Foto: Movie for Kids)

Il viaggio verso i confini del mondo

Il tutto però, non prima di aver recuperato Jack dal mondo dei morti. Durante l’attraversata Elizabeth e la ciurma si incroceranno con diversi morti, in un altro scenario toccante. Qua la ragazza troverà il padre, ucciso proprio per volete di Beckett, il quale confesserà loro un dettaglio decisivo: chiunque uccide il cuore di Davy Jones dovrà prendere il suo posto come capitano dell’Olandese Volante.

Una volta tornati sulla terma ferma e aver trattato con Sao Feng, la nave di quest’ultimo viene attaccata dall’Olandese Volante ferendo a morte il suo capitano. Questo, poco prima di spirare, nomina Elizabeth nuovo capitano, facendola entrare così di diritto tra i Nove Pirati dell’Alleanza.

L’azione si sposta poi alla Baia dei Relitti. Qua la Fratellanza dei Pirati aspetta l’arrivo di Lord Beckett per tendergli un’imboscata e porre fine alla sua tirannia. Tra le proposte vi è anche quella di Barbossa di liberare Calypso ma, secondo il Codice dei Pirati, un atto di guerra può essere annunciato solo dal Pirata Re che, grazie al voto di Jack, diventa Elizabeth.

Sul finale lo scontro più atteso. L’Olandese Volante e la Perla Nera si attaccano durante una tempesta evocata dalla Dea degli Abissi, soggetta anche di un momento profondo proprio con Davy Jones. Racchiuso nella cella, mostra un’umanità e un amore nascosto per troppo tempo, un amore che era dedicato proprio a quella Dea. Un sentimento che si scontra però con la sua natura da mostro. E sempre in tema, durante la battaglia Elizabeth e Will, che nel corso della pellicola ha accompagnato i ragazzi nell’avventura, chiedono a Barbossa di sposarli, diventando finalmente marito e moglie. Il piano di Jack ora è quello di uccidere il cuore di Davy Jones per diventare immortale, ma Will lo anticipa pugnalando l’unica cosa che teneva il capitano dell’Olandese ancora in vita. Ora è Will ad esserne capitano. Insieme alla Perla Nera, le due navi distruggono l’Endeavour britannica uccidendo finalmente Lord Beckett.

Ora Will è legato al compito di accompagnare i defunti all’altro mondo, mentre Jack e Gibbs, in sosta a Tortuga, vengono traditi da Barbossa che scappa a bordo della Perla Nera. Sparrow però, anticipando le mosse del rivale, ruba in precedenza le carte nautiche segnando il prossimo obiettivo: la Fonte della Giovinezza.

Pirati dei Caraibi – Ai confini del mondo, curiosità

Nel film è presente anche Keith Richards, chitarrista dei Rolling Stones. L’idea iniziale in realtà, era quella di consegnare un ruolo al musicista già per il secondo capitolo della saga. Purtroppo però, gli impegni lavorativi della band, un tour mondiale, è stato costretto a rimandare quel cameo. Il chitarrista nel film, interpreta il ruolo di Capitan Edward Teague, padre di Jack e custode del Codice dei Pirati.

Pirati dei Caraibi - Ai confini del mondo
Keith Richards nei panni di Edward Teague con Johnny Depp nei panni di Jack Sparrow ne “Pirati dei Caraibi – Ai confini del mondo” (Foto: Pinterest)

Come riporta il sito Tvzap, per riprodurre lo scontro finale tra Olandese Volante e Perla Nera, ci sono voluti circa 600 addetti per la costruzione del set e tre mesi di riprese realizzate grazie al supporto della tecnologia Blue Screen in una vecchia fabbrica nella periferia di Los Angeles.

Infine, la figura stessa del Kraken è curiosa. Non solo protagonista di questa saga, bensì mostro di orgini leggendarie. E’ da sempre caratterizzato per la sua struttura enorme e per la somiglianza con un calamaro o una piovra. L’idea è infatti quella di avere tentacoli talmente enormi da poter distruggere una nave intera. Il suo mito nasce intorno al Seicento e all’Ottocento e ha avuto talmente tanto riscontro da trovarsi anche nel cartone Atlantis – Il ritorno di Milo della Disney.

Come vedere in streaming I pirati dei Caraibi

Commenti