Non mi uccidere: il nuovo film di Andrea De Sica

0
878
Alice Pagani

Una storia d’amore convolvente fra giovani protagonisti, quella descritta nel film “Non mi uccidere” di Andrea De Sica. Una trama di intrecci, di passione, ma con un risvolto thriller noir, con Alice Pagani e Rocco Fasano.

Di cosa tratta il film con Alice Pagani e Fasano?

Iniziamo col dire che la pellicola cinematografica “Non mi uccidere” sarà disponibile dal 21 aprile su tutte le piattaforme in digitale. Quindi: Apple TV app, Amazon Prime, YouTube e Sky Primafila. La produzione vanta la collaborazione fra la Warner Bros. Entertainment Italia e, la Vivo Film. Una travolgente storia d’amore teen che, vedrà dei risvolti del genere thriller, a tratti anche Noir. I due giovani protagonisti, Alice Pagani e Rocco Fasano sono entrambi reduci dal successo di film degni di nota. La pellicola cinematografica, si rifa all’omonimo libro di Chiara Palazzolo. Citiamo i protagonisti, sebbene il film abbia un cast estremamente ricco. Ad esempio, saranno nel film Anita Caprioli, Silvia Calderoni, Giacomo Ferracane e molti altri. Le musiche del film, sono composte da Andrea Farri e, dallo stesso regista, che ha voluto mettere il proprio genio, anche tra i sottofondi d’amore e suspence.

Skam Italia: uno spaccato di realtà. Ecco cosa vuol dire essere liceale

La trama del film

Diciamo che non si tratta proprio di una pellicola amorosa come ci si potrebbe aspettare. Non solo è possibile vedere un risvolto noir, ma da quanto apprendiamo dalla trama, a tratti, la fantascienza corre in soccorso della sinossi. Andiamo però, per gradi. Due giovani innamorati, Mirta alias Alice Pagani e Robin, si giurano amore eterno. In una notte di luna piena, decidono di fare una stupidaggine che minerà la vita ad entrambi. Mirta si risveglia, ma non ha la possibilità di vedere ancora il suo amore. Scopre ulteriormente una verità scomoda: si è trasformata in una creatura che, per sopravvivere si ciba di carne umana. Alla disperata ricerca del suo Robin, inseguita da uomini misteriosi. Staremo a vedere se, la bravura di Alice Pagani, ci colpirà anche stavolta.

Commenti