Maradona minaccia di fare causa a Netflix e Sorrentino

0
223

Diego Armando Maradona sta valutando l’ipotesi di portare in tribunale Netflix e Paolo Sorrentino per il filmÈ stata la mano di Dio“. A dichiararlo è stato l’avvacato del campione su Twitte. Secondo l’avvocato del Pibe de oro Matias Mariola, il canale streaming e Sorrentino hanno utilizzato l’immagine del calciatore senza il suo consenso, nonstante si tratta di un marchio registrato. Il titolo della pellicola si riferisce ad una celebre frase che Maradona utilizzò per descrivere un suo gol nella Coppa del Mondo del 1986.

L’avvocato di Maradona su Twitter minaccia un’azione legale contro “È stata la mano di Dio” il nuovo film di Paolo Sorrentino 

Annunciando il film la scorsa settimana Netflix ha spiegato che la nuova opera di Sorrentino non è categoricamente un film sportivo e non parla di Maradona. Sorrentino ha descritto “È stata la mano di Dio” come “un film intimo e personale, un romanzo di formazione allegro e doloroso”. L’opera è prodotta da The Apartment e distribuita da Netflix. La pellicola rappresenta una sorta di tuffo nel passato, per il regista di “La grande bellezza“, che lo riporta alla sua giovinezza trascorsa a Napoli negli anni ’80. 

La città partenopea è ancora molto legata alla figura di Maradona come calciatore. Lo stesso Sorrentino è un accanito tifoso del Napoli e di Maradona, tanto che il campione è comparso ,anche se solo per un attimo, nel suo “The Youth”.

Non è la prima volta che l’avvocato di Maradona minaccia un’azione legale per l’utilizzo senza consenso dell’immagine del calciatore. L’entourage del campione argentino si è spesso dimostrato particolarmente litigioso. In passato ha fatto causa anche agli stilisti Dolce e Gabbana che avevano fatto sfilare una modella con la maglia del calciatore. Minacce di azioni legali anche per il videogame Pro Evolution Soccer di cui Maradona non aveva gradito l’avatar che lo rappresentava.

Netflix: tutti i film e le serie tv in arrivo a Luglio 2020

Commenti