“La Mummia”: possibile remake con transgender?

0
326
La mummia

Il maestro dell’horror Clive Barker durante un podcast con il suo collega Mick Garris avrebbe pensato ad un possibile remake del film “La Mummia”. Fino a qua niente di strano, se non fosse che penserebbe di inserire un protagonista transgender. Ebbene sì. L’idea nasce in quanto lui stesso è gay e questo inserimento renderebbe il tutto più accattivante.

Quale sarebbe la trama del remake di “La Mummia”?

Durante il podcast “Post Mortem”, Clive Barker e il suo collega Mick Garris, hanno parlato della proposta di fare il remake del film della Universal “La Mummia”. I due colleghi rivelano come potrebbe svolgersi la trama.

Cilve Barker dichiara: “Ha avuto il primo cambio di genere … transessuale. Quindi c’è un ragazzo nato … un ragazzo-bambino nato all’inizio della narrazione, che è ovviamente significativo… ma abbiamo tagliato vent’anni e non c’è traccia di questo ragazzo. Apparentemente. C’è una donna meravigliosamente strana e misteriosa che fa parte della narrazione, non voglio dire troppo perché un giorno ce la faremo … spero … dovremmo parlare con Netflix … “.

“Il bambino … che è nato all’inizio del racconto … è diventato questa donna squisita. È una parte importante di una narrativa moderna de “La Mummia”. Ma questa è la nostra ingenuità, Mick. Come avremmo mai potuto pensare, nel 1989, quando abbiamo consegnato questo, che avrebbero detto: “Ah, fantastico!” Penso di aver avuto un atteggiamento un po ingenuo”.

Barker e Garris rivelano anche che la storia gira intorno al tema sessuale e sarà ambientata in un museo di Beverly Hills.


18 film horror che devi assolutamente conoscere


Una speranza visto i precedenti

Speriamo che i dirigenti della Universal Pictures ascoltino il podcast. Lo studio ha avviato con successo “La Mummia” nel 1999 e ha prodotto diversi sequel. Un remake più recente nel 2017 con Tom Cruise avrebbe dovuto lanciare “Dark Universe”. Si trattava di un universo esteso che comprendeva tutti i classici mostri horror. Il film non si è rivelato un successo e di conseguenza lo studio ha cancellato le successive “Bride of Frankenstein” e “The Invisible Man”.

Commenti