Kelly Curtis, manager dei Pearl Jam, si ritira

0
326

Kelly Curtis, che ha guidato i Pearl Jam per l’intera carriera della rock band superstar, si ritirerà. Dopo 30 anni, Curtis passa il titolo di manager della band a Mark Smith membro del team da tempo.

Chi è Kelly Curtis?

Curtis, che aveva poca esperienza di gestione di band prima di entrare in contatto con i Pearl Jam tre decenni fa, ha supervisionato tutta l’ascesa del gruppo di Seattle a superstar mondiali. Il suo ruolo nella band è stato spesso paragonato a quello dell’ex manager degli U2 Paul McGuinness, che allo stesso modo ha guidato l’ascesa degli U2 irlandesi fino a quando non si è dimesso nel 2013.

Con Kelly Curtis, i Pearl Jam, che si sono formati nel 1990 a Seattle, hanno sfondato con il loro album di debutto, 1991’s Ten. Sono stati catapultati in una celebrità istantanea e, insieme ai Nirvana, erano i leader del movimento grunge.

Curtis e i Pearl Jam: non solo musica

Con l’aumento della loro notorietà, la band non ha esitato a usare il suo potere per proteggere i suoi fan, inclusa la presentazione di un reclamo antitrust contro TicketMaster nel 1994 per i costi di servizio. Curtis è stato una sicurezza in tempi difficili, come il 2000, quando nove fan sono stati calpestati al Roskilde Festival in Danimarca.

Ma Kelly Curtis ha supervisionato tutti gli 11 album in studio della band e tour sold out in tutto il mondo. L’album più recente della band, Gigaton, uscito a marzo 2020, ha debuttato al numero 5 della classifica di Billboard e doveva essere seguito da un tour nordamericano ed europeo che è stato rinviato a causa di COVID-19. La band sarà la protagonista dell’Hyde Park di Londra nel 2021.

Kelly Curtis, che la band ha ringraziato quando è stata inserita nella Rock & Roll Hall of Fame nel 2017, non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Commenti