”Il Monaco che vinse l’Apocalisse” le prime anticipazioni sugli effetti

0
955
''Il Monaco che vinse l'Apocalisse''

”Il Monaco che vinse l’Apocalisse”, un team di professionisti già al lavoro per ricostruire il fascino del Medio Evo e dar vita al Dragone a sette teste.

Chi sarà supervisore degli effetti?

Nicola Sganga, supportato da un grande team di professionisti, si troverà a dover far realizzare questi meravigliosi effetti per il film “Il Monaco che vinse l’Apocalisse” diretto da Jordan River.

Nicola Sganga

Architetto, ma sempre legato al mondo cinematografico, opera da circa dieci anni nel settore della post-produzione, prima come 3dartist e poi come supervisore agli effetti visivi con 50 film all’attivo.
Riceve diversi riconoscimenti, tra cui due David di Donatello (ha curato gli effetti visivi de “Il Divo” di Sorrentino e de “Il Racconto dei Racconti” di Garrone).

”Il Monaco che vinse l’Apocalisse”: Capi reparto italiani

Per la realizzazione de ”Il Monaco che vinse l’Apocalisse” la produzione ha così scelto tra i migliori capi reparto italiani che lavorano nel cinema, tra cui, solo per citarne alcuni:

il Make-up Designer Vittorio Sodano con due nomination agli Oscar, è stato Makeup Supervisor di Mel Gibson nel film ”Apocalypto” , il Direttore della Fotografia Gianni Mammolotti,  lo Scenografo Davide De Stefano,  il Fonico Gianfranco Tortora e  il Music Compositor Michele Josia.

Cosa vedremo?

Nella pellicola ”Il Monaco che vinse l’Apocalisse” vedremo effetti come ricostruzioni 3D di castelli e manieri medioevali, moltiplicazioni di personaggi, nebbie, digital painting, figure e atmosfere oniriche uniche sono solo alcune delle tante lavorazioni.

Entro quest’estate è prevista la realizzazione di alcune sequenze in cui si darà vita anche al Drago a sette teste, una delle figure presenti nelle pagine del Liber Figurarum.

L’opera

L’opera è inedita, più che mai attuale, in un’epoca come la nostra, segnata da guerre, conflitti, crisi e incertezze economiche, sociali ed esistenziali. Un monaco vissuto nel Medio Evo che pare aver avuto in visione tutto questo otto secoli prima di noi, rappresentandolo in figure, simboli e immagini.


”OPERAZIONE SPECIALE: LIONES” il trailer ufficiale


LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here