Il meglio del Progressive Rock torna a Porretta Terme

0
478
progressive porretta

Porretta Terme, località del Comune di Alto Reno Terme (BO), accoglierà dal 6 all’8 agosto alcuni dei gruppi storici del Progressive Rock italiano e non.

Il Progressive prima di Porretta Terme

Il Progressive Rock è una corrente musicale che ha caratterizzato soprattutto la scena musicale tra gli anni ’60 e ’70. Viene definita anche ‘Prog Rock’ o semplicemente ‘Prog’.
Il genere è tornato in auge negli anni ’90 e 2000, fondendosi anche con il metal, grazie a gruppi come Dream Theater, Porcupine Tree e Opeth.


I 10 migliori album progressive metal secondo Rolling Stone


Le caratteristiche

Il Progressive contamina un generale musicale strutturalmente semplice, quale appunto il rock, con gli stilemi della musica colta e del jazz. Si passa dalla pura canzone che dura pochi minuti a dei brani sperimentali lunghi una decina di minuti e anche di più. A volte gli stessi venivano divisi in più parti, così da apparire come delle vere e proprie suite. Su certi LP un pezzo musicale poteva occupare un intero lato del disco. Addirittura l’album dei Jethro Tull ‘Thick As A Brick’ presenta la sola traccia omonima, che per esigenze tecniche legate al vinile, si presenta divisa in due parti, una per lato.
Il filo conduttore di tutta la produzione progressive rock è la sperimentazione, non solo sul piano musicale, ma anche su quello tematico. I testi di contestazione sessantottina vengono abbandonati in favore di argomenti più complessi e astratti come fiabe e fantascienza. Insomma una vera e propria arte di evasione dalla realtà.

I gruppi

Il Progressive Rock nasce a si sviluppa in Inghilterra con gruppi come i King Crimson, gli Yes, i Gentle Giant, gli Emerson, Lake and Palmer, i Genesis, i Jethro Tull, i Camel, i Van Der Graaf Generaton.
Il genere ha fatto breccia anche in Canada con i Rush nella metà dei ’70.
Anche in Italia il Progressive ha trovato terreno fertile in quegli anni. Nel nostro Paese la Premiata Forneria Marconi (PFM) ha raggiunto una grande notorietà a livello nazionale e internazionale. Sulla stessa scìa sono fatti le ossa altri come gli Area, il Banco del Mutuo Soccorso, gli Osanna, i Goblin, le Orme, il Biglietto per l’Inferno, il Balletto di Bronzo, gli Alphataurus, gli Alusa Fallax, La Locanda delle Fate, Quella Vecchia Locanda, Arti+Mestieri.

Il Progressive a Porretta Terme

La manifestazione di Porretta Terme che valuta il Progressive Rock si chiama ‘Porretta Prog Festival’, arrivato quest’anno alla seconda edizione. Il Comune di Alto Reno Terme ha realizzato l’evento con il contributo della Regione Emilia-Romagna. L’organizzazione è avvenuta a cura di Arci Bologna sotto la direzione artistica di Bibi Bernardi e Marco Coppi.

La prima edizione del Porretta Prog Festival

Nel 2019 si era tenuta la prima edizione del festival. Si erano esibiti tra i gruppi storici gli inglesi Soft Machine, Caravan e il chitarrista dei Jethro Tull Martin Barre. Avevano fatto da spalla i locali Monkey Diet, i D.S.T., e la Direzione Artistica Live Band con Stefano Testa.


Caravan, cinquant’anni di ‘In the Land of Grey and Pink’


La seconda edizione del Porretta Prog Festival

Rispetto all’edizione precedente, questa volta a Porretta Terme ci sarà spazio per la scena progressive storica italiana. Saranno protagonisti gli Arti+Mestieri, Claudio Simonetti dei Goblin (autori della colonna sonora di “Profondo Rosso” di Dario Argento), Jenny Sorrenti dei Saint Just, Gianni Leone del Balletto di Bronzo e gli Osanna. Per questi ultimi sarà l’occasione di celebrare i 50 anni dall’uscita del loro primo disco, ‘L’uomo’.
Suoneranno poi i tedeschi Guru Guru, per la prima volta in Italia, e i gallesi Man.

Commenti