Fractured – recensione del thriller Netflix ad altissima tensione

"Fractured" é un film prodotto e distribuito da Netflix, diretto da un grande del cinema thriller. Ecco la nostra recensione.

0
345

“Fractured” é un film di genere thriller, prodotto dalla piattaforma Netflix in esclusiva per i propri utenti. Il film é diretto da Brad Anderson, cineasta famoso per titoli fult come “L’uomo Senza Sonno”, e sceneggiato da Alan B. McErroy; il cast include Sam Worthington, Lily Rabe, Lucy Capri, Stephen Tobolowsky, Adjoa Andoh, Lauren Cochrane e altri interpreti. Si tratta di un film ad altissima tensione, capace di mantenere lo spettatore sul filo del rasoio fino alla fine.

TRAMA: Ray é in viaggio in macchina insieme a sua moglie e sua figlia, con l’intenzione di festeggiare la festa del Ringraziamento insieme si genitori di lei. In seguito ad uno strano incidente, la bambina si frattura un braccio ed i genitori la accompagnano nell’ospedale più vicino. Qui, dopo una strana e sinistra trafila, la bambina viene ricoverata ed accompagnata da sua madre a fare una TAC. Dopo alcune ore, tuttavia, Ray non trova più la sua famiglia e l’intero staff dell’ospedale sostiene che lui sia arrivato lí da solo: é l’inizio di un intricato mistero in cui nulla é come sembra.

Recensione Fractured

“Fractured” é un film che presenta tutte le carte in regola per funzionare: ottima regia, ottimo cast, atmosfera sinistra, trama azzeccata. Pur non scampando a vari stereotipi, l’opera costruisce una trama tesa, che ci tiene a bocca aperta ed in cui é veramente difficile capire quale tra le due possibili verità sia quella giusta finché non ci viene spiattellata in faccia. Lo stile di regia fa vagamente riferimento agli standard di Netflix per l’horror, che prediligono una corposa componente drammatica, ma il fulcro é comunque su psicologia e azione. Le stranezze dei vari personaggi non fanno altro che alimentare la domanda ancestrale: é tutto un complotto o ol protagonista é pazzo? Lo scoprirete solo guardando.

Fra le righe, comunque, il film non si esime da lanciare frecciate verso un’annosa questione sociale: la sanità privata americana. Oltre che su questo fronte, il film parla di altri temi delicati come alcolismo ed una brutale pratica illegale di cui non riveliamo nulla per non fare spoiler, tutti uniti in un unico calderone ma con un risultato impeccabile. Il mix di elementi é insomma molto caldo, ed il risultato finale é un’opera che vi terrà letteralmente incollati alla poltrona grazie a regia, sceneggiatura e cast da urlo. Film promosso a pieni voti, una delle migliori opere di Netflix.

LEGGI ANCHE: RECENSIONE DI APOSTOLO, HORROR DI NETFLIX

Commenti