Eason Chan e la rottura con Adidas

Acque torbide per Eason Chan che ha deciso di interrompere il contratto quale ambasciatore del marchio Adidas. La risposta del pubblico è controversa e comunque l'artista di Hong Kong rischia di dover risarcire fino a 10,4 milioni di dollari.

0
238

Eason Chan è coinvolto in una vicenda dove musica, mondo della moda, economia e politica si intrecciano. L’artista potrebbe essere tenuto a risarcire una ingente somma di denaro.

Chi è Eason Chan?

Eason Chan, nato nel 1974 a Hong Kong, è cantante e attore. A 12 anni si trasferì a studiare in Inghilterra, dove rimase fino alla laurea in architettura alla Kingston University. Nel contempo si formò presso la Royal Academy of Music, dove ottenne il livello di certificazione vocale più alto nell’orchestra. Nel 1995 Eason Chan tornò a Hong Kong e vinse la competizione New Talent Singing Awards. Da allora ha interpretato molte canzoni in Cantonese ed anche in Cinese Mandarino. Ha diffuso la propria fama nel Mainland China, a Taiwan ed in Giappone. Ha tenuto concerti in Oriente, America ed Europa. Uno dei suoi ultimi lavori, “A dance for tomorrow” dell’Ottobre 2020, è un messaggio di fiducia. Infatti la canzone esorta a procedere nella vita, apprezzandone il cammino.



LMLY (leave me loving you) di J. Wang


La vicenda con Adidas

Si tratta di una questione delicata, con molte implicazioni e punti di vista. Eason Chan ha dichiarato di voler interrompere il contratto quale ambasciatore del marchio Adidas. Una concatenazione di eventi ha portato a questa decisione. Infatti nel Dicembre 2020 la BBC ha mandato in onda un filmato secondo il quale la Cina costringerebbe la minoranza Uigura a lavorare nei campi di cotone dello Xinjiang. Alcuni marchi come Adidas. Burberry, H&M e Calvin Klein hanno deciso di prendere posizione. Nei fatti hanno fermato l’acquisto di cotone proveniente dallo Xinjiang. Eason Chan ed altri artisti come Jackson Wang hanno dato prova di solidarietà al proprio Paese, il quale nega ogni sfruttamento. Di conseguenza hanno interrotto i rapporti con le case di abbigliamento coinvolte nella questione.



Cosa ne pensa il pubblico?

La scelta di Eason Chan presta il volto a diverse interpretazioni. Secondo alcune fonti, i fans dell’artista lo hanno attaccato. Lo hanno infatti accusato di essere cieco di fronte alla violazione dei diritti delle minoranze musulmane. Secondo altre fonti, molti fans di Eason Chan sono disposti a sostenerlo, anche economicamente. Sarebbero infatti disposti ad acquistare qualunque cosa l’artista proponga, sia che si tratti di prodotti di moda e sia che si tratti di biglietti ai concerti. Rimane comunque il fatto che la scelta di Eason Chan di interrompere il contratto potrebbe costargli una ingente somma che, secondo AsiaOne, potrebbe ammontare a 10,4 milioni di dollari.


Commenti