E.T L’EXTRA-TERRESTRE: apre la 58a Mostra del Nuovo Cinema

0
221
E.T L'EXTRA-TERRESTRE

La Fondazione Pesaro Nuovo Cinema annuncia l’apertura della 58esima edizione della Mostra Internazionale del Nuovo Cinema, sabato 18 giugno alle ore 21.00 infatti, in Piazza del Popolo, con la proiezione di E.T. l’extra-terrestre.

Per quale occasione viene proiettato “E.T. l’extra-terrestre”?

In occasione del 40° anniversario dell’uscita nelle sale, grazie alla collaborazione di Universal Pictures Home Entertainment, arriva al festival il film cult della storia del cinema diretto dal Premio Oscar® Steven Spielberg, con gli allora giovanissimi Drew Barrymore e Henry Thomas. E.T. l’extra-terrestre.

Et.l’extraterrestre: trama

Il film, racconta la storia di un alieno che non riesce a tornare a casa e del rapporto che instaura con la famiglia che lo trova, è impresso nell’immaginario collettivo di più generazioni come film icona capace di travalicare il genere della fantascienza ed è considerato uno dei più grandi film di tutti i tempi.

Date e location

La Mostra Internazionale del Nuovo Cinema si terrà a Pesaro dal 18 al 25 giugno 2022 con il contributo del Ministero della Cultura – Direzione Generale Cinema e Audiovisivo, e ancora, del Comune di Pesaro e della Regione Marche.

Il manifesto

Svelato inoltre, il manifesto e la sigla che rappresentano la 58esima edizione della Mostra Internazionale del Nuovo Cinema. In attesa di scoprire gli ospiti e il ricco programma della nuova edizione del festival, l’artista UOLLI (Tomas Marcuzzi) firma la locandina e la sigla che catturano l’essenza, e ancora, la natura poliedrica del festival. 

Uolli

“L’idea di realizzare un’installazione totalmente meccanica ed interamente dedicata al cinema, nasce proprio dalla stessa curiosità e dallo stesso spirito del Festival. L’intenzione era di omaggiare tutto il cinema senza distinzioni, rappresentandolo attraverso marchingegni, automazioni e meccanismi, atti a mostrare i suoi mille aspetti: dai giochi ottici del pre-cinema come lo praxinoscopio o lo zootropio, fino agli oggetti più iconografici del cinema come il ciak, l’occhio, la cara vecchia pellicola, i classici occhiali 3D con le lenti blu e rosse, delle buffe mani verdi che applaudono e l’immancabile pop-corn.

La settima arte

Tutto è stato pensato per rappresentare ogni aspetto della settima arte, dai primi esperimenti visivi ai giochi ottici, fino al suo immaginario più pop.


Forest Whitaker: all’attore americano la Palma d’oro onoraria a Cannes


Commenti