Dorothy: la storia del rock in un poster

0
1159
Dorothy: tutta la storia del rock

Lo studio di design Dorothy ha avuto un’idea che solleticherà di certo i palati degli appassionati di musica rock. Le menti dietro questo progetto hanno pensato bene di mappare l’intera storia del rock. Il prodotto finale è qualcosa di particolare e interessante.

Cos’è Dorothy?

Dorothy è il nome che quattro pubblicitari inglesi hanno scelto per la loro azienda. Dorothy produce stampe concettuali, prodotti e opere d’arte che vengono venduti ed esposti in tutto il mondo. La stampa ha avuto solo elogi per il lavoro dei quattro pubblicitari, che stavolta hanno messo in piedi un’idea che è un omaggio al rock. Ne hanno raccontata la storia attraverso un enorme mappa, concepita come un circuito elettrico di dimensioni esagerate. Il poster contiene tutta l’evoluzione del rock.

Il poster che racconta il rock

I pubblicitari di Dorothy hanno provato a classificare i sottogeneri e gli interpreti che ne hanno segnato la storia, l’evoluzione e la consacrazione. L’epopea del genere più amato dai ribelli di tutto il mondo parte dall’amplificatore, passa per la chitarra elettrica, e si sviluppa attraverso 1.400 nomi. Perché ci vuole un poster di dimensioni spropositate per raccontare tutto? Perché la storia del rock è più articolata di quello che molti di noi pensano.

Dorothy e le origini del rock

Il rock nasce a cavallo tra gli anni ’50 e ’60. Figlio del rock ’n’ roll, ma non solo, prende piede soprattutto in America e nel Regno Unito. I creativi di Dorothy hanno riassunto (per modo di dire) tutto il percorso evolutivo. Prima del rock ’n’ roll c’era il blues. Artisti come Robert Johnson e Muddy Waters hanno ispirato pionieri del rock ’n’ roll come Chuck Berry e Rolling Stones. Dopo questi ne sono arrivati altri, che hanno dato vita al punk (Ramones, Sex Pistols, Clash), al grunge (Nirvana), all’heavy metal (Deep Purple, Black Sabbath) e a decine di sottogeneri. E Dorothy è riuscita a concentrare tutta questa epopea in un unico e creativo atto d’amore.

Commenti