Django Reinhardt: il chitarrista più influente di tutti i tempi

0
397
Django Reinhardt

Si dice comunemente che si devono superare gli ostacoli sulla via del successo. Ma la domanda è: quanti ostacoli sono troppi ostacoli? Quanti sono al di fuori del controllo di uno? E di questi quanti sono costrutti della società? Quanti vengono ingiustamente e inutilmente lanciati contro un individuo da una società ipocrita e viziosa? Ancora più importante, se si riesce a superare quelle sbarre, vale la pena celebrare il viaggio? La glorificazione non è una calce? Tenendo a mente queste domande cruciali, rivisitiamo la vita del famoso chitarrista jazz, Django Reinhardt.

Chi era Django Reinhardt?

Nato come Jean in Belgio, Reinhardt era di discendenza Manouche Romani. Il popolo rom era un grande gruppo di zingari che ha subito una vita di persecuzione. Originari degli stati nord-occidentali dell’India, principalmente Rajasthan e Punjab, i loro antenati erano Domas o caste e tribù programmate che emigrarono in cerca di una vita migliore. Si stabilirono principalmente in tre zone: Europa orientale, Germania e Spagna. I Manouches erano romani-francesi che avevano legami familiari in Germania e in Italia. Ahimè, il loro viaggio in terre più “liberali” non fu altro che una delusione. Vittime del razzismo, il termine stesso “Romanichel” è considerato un insulto ancora oggi.

Gli inizi con un violino e poi il banjo

Cresciuto in campi urbani non ufficiali, Reinhardt ha ereditato la ricca eredità culturale della sua tribù. Sebbene il primo strumento che raccolse fosse un violino, passò a una chitarra banjo all’età di dodici anni, e imparò osservando i virtuosi musicisti locali. Tra la sporcizia di una vita povera, la musica lo faceva sentire come un re. Presto iniziò a guadagnare un po ‘di soldi suonando per strada e nei caffè, perfezionando le sue abilità.


I 13 migliori giovani chitarristi metal secondo Loudersound


La carriera di Django Reinhardt

Dopo la sua prima opportunità di registrazione nel 1928, Reinhardt iniziò ad attrarre acclamati musicisti europei tra cui il bandleader britannico Jack Hylton che si recò in Francia per ascoltarlo suonare, offrendogli poi un lavoro. Il sogno di Reinhardt si è infranto prima ancora che di potersi unire alla band di Hylton. Il caravan che Reinhardt condivideva con la moglie ha preso fuoco una notte, bruciando metà del corpo di Reinhardt. Le ferite più importanti furono quelle alla mano: l’anulare e il mignolo bruciacchiati. Per la maggior parte dei musicisti, questa sarebbe stata la fine di tutto, ma non è stato sufficiente a fermare Reinhardt. Ha imparato a suonare con le altre dita, a volte anche con il pollice. In effetti, è stato dopo questo incidente che la sua creatività ha raggiunto livelli incredibili.

L’incontro con il jazz americano e il successo

La vita di Reinhardt è cambiata dopo che è stato introdotto al jazz americano dalla fotografa e artista francese Emily Savitri. Ascoltando la collezione di dischi di Savitri, Reinhardt ha scoperto luminari del jazz come Louis Armstrong, Duke Ellington, Eddie Lang e Joe Venuti. In questa fase Reinhardt ha incontrato il violinista Stéphane Grappelli. Dati il ​​loro background e gusti musicali simili, i due divennero amici e collaboratori, formando una delle band francesi più sensazionali di tutti i tempi: la Quintette du Hot Club de France. Formato nel 1934 a Parigi, era un ensemble unico che conteneva solo strumenti ad arco. Continuando fino al 1939, la band pubblicò alcune composizioni eccezionali che invasero l’America. Reinhardt ha anche collaborato con musicisti jazz come Armstrong, Adelaide Hall, Coleman Hawkins, Rex Stuart e così via.

Il periodo della seconda guerra mondiale e il rischio di essere rom

Con l’inizio della seconda guerra mondiale, Reinhardt interruppe il suo tour nel Regno Unito e tornò in Francia. Come tuttii i rom fu costretto a indossare un triangolo di identificazione gipsy marrone cucito sul petto. Reinhardt cercò di fuggire dalla Francia due volte durante la caduta del paese ma fu catturato entrambe le volte. Dal punto di vista economico, Reinhardt ha approfittato del mercato bellico. Molti musicisti americani sono fuggiti dal paese, lasciando un vuoto da riempire.

Il tour negli USA e il ritorno in Francia

Finito l’incubo della guerra, Reinhardt si riunì a Grappelli nel 1946 e intraprese il lungo tour americano atteso. Sebbene il tour sia iniziato in modo grandioso, il successo si presto esaurito. Ritornato alla sua vita rom in Francia un anno dopo, Reinhardt sembrava essere un po’ distaccato e abbattuto. Nonostante ciò riuscì comunque a registrare circa 60 nuovi brani durante la sua visita a Roma nel 1949 e si unì a Benny Goodman negli Stati Uniti l’anno successivo. Il 16 maggio 1953, Reinhardt collassò per un’emorragia cerebrale fuori casa mentre tornava dal club parigino Oddly e ai dottori occorse un giorno intero per arrivare e dichiararlo morto. Lasciò il suo corpo fisico all’età di 43 anni con la consapevolezza che il suo talento era insufficiente per guadagnarsi il pieno rispetto e che aveva bisogno di apparire in un certo modo e parlare in un modo particolare per cambiare il modo in cui le persone lo guardavano.

L’eredità di Django Reinhardt

Inutile dire che ha ispirato diversi chitarristi tra cui Jerry Garcia dei Grateful Dead e Tony Iommi dei Black Sabbath: entrambihanno subito ferite alle dita. Parlando delle sue capacità, Hugues Panassié ha scritto in The Real Jazz: “Prima di tutto, la sua tecnica strumentale è di gran lunga superiore a quella di tutti gli altri chitarristi jazz. Questa tecnica gli permette di suonare con una velocità inconcepibile e rende il suo strumento completamente versatile. La capacità di Django di piegare la sua chitarra alle più fantastiche audacia, unita alle sue inflessioni espressive e al vibrato, non è meno meravigliosa; si sente una fiamma straordinaria bruciare attraverso ogni nota.

Commenti