Detective Conan: l’investigatore più piccolo del mondo

0
746

Ci credereste, se vi dicessimo che il manga di Detective Conan è nato nel 1994? Eppure è così, e il suo successo non accenna a diminuire.

Come è nato Detective Conan?

Il manga di Detective Conan è stato pubblicato per la prima volta nel gennaio 1994, appunto, ed è nato dalla fantasia di Gosho Aoyama. Rappresenta un caso raro nel manga giapponese, ossia il genere giallo: ma non per questo è rimasto un prodotto di nicchia, tutt’altro.


Saint Tail la ladra dalla doppia identità


I protagonisti

Protagonista indiscusso è Shinichi Kudo, diciassettenne liceale con una brillante mente analitica. Le sue capacità investigative lo portano ad affiancare spesso la Polizia, ma proprio seguendo un’indagine si mette nei guai e pesta i piedi alle persone sbagliate. Queste persone, che da ora in poi si chiameranno l’Organizzazione, lo costringono a bere uno strano siero che lo fa ritornare bambino. Non potendo rivelare l’accaduto, anche per proteggere le persone a lui care, Shinichi diventa Conan Edogawa, proseguendo però nella sua attività di investigatore… solo, in taglia ridotta.

I personaggi secondari

Ad affiancare Shinichi/Conan ci sono per primi la sua amica d’infanzia, e amore segreto, Ran Mouri e suo padre, Goro, anch’egli detective ma molto meno abile del suo smisurato ego. Il piccolo Conan si serve di lui per risolvere i casi, poiché sa bene che nessuno darebbe mai ascolto ad un bambino. C’è poi il dottor Agasa, l’unico a conoscenza della vera identità di Conan, che lo ama come un figlio e progetta per lui diversi dispositivi. Né mancano i piccoli coetanei, un gruppo di tre ragazzini appassionati di misteri e che, capitanati proprio da lui, si daranno il nome di “squadra dei piccoli detective”. Una menzione particolare la merita Ai Haibara, che in realtà si chiama Shiho Miyano ed è un’ex membro dell’Organizzazione. Anche lei ha subito la stessa sorte di Shinichi, ed è come lui alla ricerca dell’antidoto.

Il manga e l’adattamento italiano

Come dicevamo poco sopra, il manga è stato pubblicato per la prima volta nel 1994 e ad oggi non se ne vede la fine, dopo ben 102 volumi (aggiornato al 15 settembre di quest’anno). In Italia la serie è stata mandata in onda dal maggio 2002 al gennaio 2010 su Mediaset: da quel momento è stata spostata più volte, fino al 2019.

Detective Conan ritorna in tv?

Recentemente è arrivata la notizia che tutti i fan aspettavano: Detective Conan tornerà su Mediaset, e i nuovi episodi stanno venendo finalmente doppiati nella nostra lingua. Rimane l’incognita su chi presterà la sua voce al piccolo protagonista: infatti la sua prima voce, Irene Scalzo, ha ormai abbandonato il mondo del doppiaggio, mentre la seconda, Monica Bonetto, ci ha purtroppo lasciati nel 2017. In ogni caso questo manga è ormai diventato un cult e conta migliaia di appassionati, anche nel nostro Paese. Merito di storie mai banali e di un ritmo serrato di vicende, capaci di tenere i telespettatori sempre col fiato sospeso.

Commenti