BTS, BE | La Recensione

0
409
BTS copertina di BE

Ormai i BTS sono la band dell’anno, e si capisce che con BE lo sanno bene. Ecco un album pienamente sicuro di sé, in cui la boy band si dirige verso l’R&B di qualità.

I BTS: con BE, c’è qualcosa che temano?

I BTS sono un gruppo k-pop, e BE è quello che succede quando un gruppo k-pop smette di fare k-pop. Anche se continuano a cantare in coreano, è quello che cantano a fare differenza. Ora che sono conosciuti in tutto il mondo, i sette pupilli della Big Hit hanno acquisito una sicurezza mai vista prima. Con BE intendono raccontarla al mondo, provando influenze tutte diverse e si preparano a grandi performance future. Il successo del singolo Dynamite, presente all’interno dell’album, prometteva un lavoro splendido. Anche parte di una band, come quella, che si è visto essere già capace di tanto. BE non è che la conferma di queste promesse, i BTS che guardano alla splendida carriera che si sono costruiti e dimostrano perché se la meritano tutta. 

BE è un lavoro dei BTS completamente nuovo, che raccoglie in sé generi differenti e si allontana (a volte troppo) dal suo genere di riferimento. Sperimentano con influenze pop di varia categoria, sempre tinte della tipica elettronica per la quale sono famosi. Un progetto più raffinato, con una produzione ancora più curata e “plastica” in alcuni punti, ma immacolata. Tuttavia, se i BTS sono stati capaci di imprimere in BE una particolarità che lo renda speciale, è indubbiamente la sua maturità. BE rappresenta un passo avanti in tutti i campi possibili. Per quanto riguarda strumentazione, produzione, e anche le performance dei ragazzi, che mai sono stati così aggraziati ed eleganti. Hanno una padronanza delle loro voci e delle performance che raramente sono state eguagliate in passato, con voci più limpide e un controllo professionistico del microfono

Un gruppo in forma

Se serve un’altra prova che i BTS sono in piena forma si sappia che nel mezzo di BE è persino presente uno sketch comico, recitato però interamente in coreano. I fan della vivace Dynamite saranno poi felici di ritrovare le atmosfere funk della traccia, anche intensificate, nell’ottima Dis-ease, una traccia molto ballabile e potente. In passato è stata già menzionata anche Life Goes On, possibile prossimo singolo dall’album. Sarà proprio il membro del gruppo Jungkook dirigerà il video musicale. Si tratta di un’ottima idea per un singolo, nonché di una direzione nella quale condurre la carriera che ai ragazzi si adatta molto. Il prototipo ideale di come dovrebbe muoversi una boyband “matura”. Con un pubblico che supera la nicchia dell’età scolare e in cui ai membri è permesso esprimersi in più direzioni.

I BTS hanno messo davvero tutto in BE, e i risultati si vedono per davvero, perché è già chiaro che sarà uno di quegli album che accompagneranno l’inverno del 2020. Di fatto è proprio con loro che il soffitto di cristallo che separava il k-pop dal pop mainstream è stato abbattuto. Ormai i BTS le mode non le seguono, le dettano, e quando si mettono all’opera con l’R&B non c’è più storia per nessuno

Commenti