BARRIERE MAI PIU’

0
508

Genitori Tosti in Tutti i Posti ONLUS ha avviato la campagna per rendere accessibili a tutti concerti ed eventi live

“Barriere mai più” è il progetto che da molti anni è portato avanti dall’ Associazione nazionale Genitori Tosti che si occupa della tutela dei diritti delle persone con disabilità.

Concerti ed eventi dal vivo accessibili in tutta Italia” è una delle ultime campagne di sensibilizzazione organizzate dall’ associazione, affinché i concerti e gli eventi live siano accessibili a tutti.

Il 25 giugno scorso l’argomento è stato affrontato, da diversi punti di vista, in occasione dell’incontro online “Concerti per tutti. Nell’ era del post covid 19 oggi a che punto è l’ accessibilità?” coordinato da Genitori Tosti.

COME E’ NATA LA CAMPAGNA “CONCERTI ED EVENTI DAL VIVO ACCESSIBILI IN TUTTA ITALIA”

Tutte le campagne di sensibilizzazione del grande progetto “Barriere mai più” nascono da esperienze dirette.

Io e mio marito ci siamo sempre occupati dell’organizzazione di concerti e di eventi dal vivo – spiega Alessandra Corradi, presidente dell’Associazione Genitori Tostie già all’inizio del 2000 programmavamo dei concerti accessibili a tutti.

Amando entrambi la musica, abbiamo provato ad andare con il nostro primo figlio a dei concerti all’aperto. Purtroppo ci siamo trovati in situazioni difficili – prosegue Alessandra Corradi – perché molti eventi non sono accessibili ai disabili”.

L’idea della campagna per i concerti accessibili è nata alla fine del 2019, visto che nessuna associazione aveva mai affrontato la questione in modo pratico”.

L’emergenza sanitaria per il coronavirus ha temporaneamente rallentato l’avvio della petizione che è ripresa dopo il lockdown.

A rendere ancora più attuale la necessità di un protocollo unico per tutta Italia, che regoli l’accessibilità ai concerti, è la recente sentenza del Tribunale di Mantova sulla vicenda di Valentina Tomirotti.

La blogger e scrittrice, Valentina Tomirotti, aveva fatto causa all’Arena di Verona, Fondazione Arena di Verona e a Vivo Concerti, in quanto non aveva potuto vedere interamente il concerto del cantante Coez.

I posti riservati ai disabili, infatti, sono collocati alla stessa altezza dei posti per le altre persone. Durante il concerto molti spettatori si sono alzati, precludendo così la vista al palco per Valentina.

Le richieste della nota blogger però non sono state accolte dal tribunale, che l’ha addirittura condannata al pagamento delle spese processuali.

Una vicenda, quindi, che ha svelato le falle che ci sono nell’organizzazione di eventi live anche di grande portata.

FINALITA’ DELLA CAMPAGNA

L’obiettivo della petizione lanciata su Change.org è che “associazioni, promoter, tecnici, politici, aziende specializzate nella disabilità si siedano intorno ad un tavolo per stabilire azioni fattibili e concrete per rendere i concerti accessibili a tutti – spiega Alessandra Corradi – Si potrebbe partire dalla guida inglese online Attitude is Everything per fissare un vademecum a favore dell’accessibilità.

Serve una rete di persone con esperienze e competenze diverse per redigere un protocollo sull’accessibilità – conclude la Presidente dell’Associazione Genitori Tosti”.

ATTUALI ADERENTI ALL’ INIZIATIVA (esclusivamente a titolo gratuito):

I Butei, Andromeda Relix (etichetta discografica), Materiale Resistente (programma radio), Sottoilpalcoancheio (pagina FB), Miss G e le Barriere Architettoniche (pagina Fb), Pepitosa in carrozza, Disabili Pirata, Peba Onlus, Disability Pride Italia, C.L.E.B.A. Lodi, Cerpa Italia Onlus, FIAS – Federazione italiana delle associazioni Sordi, We Fucking Rock (pagina FB), Village 4 all, Associazione Italiana Subvedenti, MotoClub I Mastini, Estravagario Teatro.

Link petizione:

https://www.change.org/p/concerti-ed-eventi-dal-vivo-accessibili-in-tutta-italia

BARRIERE  MAI PIU' GENITORI TOSTI - ARTICOLO DI LOREDANA CARENA -
BARRIRE MAI PIU'” ASSOCIAZIONE GENITORI TOSTI

QUALCHE INFORMAZIONE SULL’ASSOCIAZIONE GENITORI TOSTI

L’associazione è nata da un’idea di Alessandra Corradi, l’attuale presidente, che, dopo avere conosciuto nel 2007 altri genitori come lei con figli disabili sul forum disabili.com, ha deciso di creare un gruppo per condividere esperienze e consigli.

Nel 2011 l’unione di questo grande gruppo viene ufficializzata con la fondazione dell’Associazione Genitori Tosti che riunisce famiglie in tutta Italia.

Da allora non ci siamo più fermati per continuare a tenere accesi i riflettori sui nostri figli con disabilità e le loro famiglie – spiega Alessandra Corradi – L’Italia è l’unico stato europeo che non riconosce i caregiver familiari che possono essere coniugi, genitori, figli, ecc..

La nostra battaglia per il riconoscimento dei caregiver familiari è iniziata nel 2013 e ora, finalmente, siamo arrivati ad una legge che dovrebbe essere licenziata il prossimo anno”.

“Barriere mai più” è quindi un progetto su vasta scala finalizzato ad abbattere, non solo le barriere architettoniche, ma anche quelle culturali.

Commenti