Zecchino d’Oro: 61 anni di storia della televisione italiana

0
435
Zecchino d'Oro

Il 24 settembre del 1954 andò in onda per la prima volta “Lo Zecchino d’Oro” lo show ideato da Cino Tortorella. La rassegna internazionale di musica per bambini quest’anno festeggia 61 anni.

Zecchino d’Oro: come nasce la prima rassegna internazionale di musica per bambini

Il coccodrillo come fa, le tagliatelle di nonna Pina, il valzer del moscerino e il torero Camomillo, sono solo alcuni dei titoli che hanno fatto la storia dello Zecchino d’Oro. Lo show andò in onda per la prima volta il 24 settembre di 61 anni fa. L’ideatore dello show fu Cino Tortorella, noto anche come Mago Zurlì, che realizzò il format per l’edizione del Salone del Bambino a Milano che quell’anno aveva come tema la fiaba di Pinocchio. Ed è proprio da qui che nasce il nome dello storico programma canoro per bambini liberamente ispirato all’opera di Carlo Collodi.

63° edizione dello Zecchino d’Oro

Mariele Ventre e il piccolo Coro dell’Antoniano

Per i primi due anni la rassegna si svolse a Milano. Successivamente, per questioni televisive, la trasmissione si spostò all’Antoniano di Bologna dove si svolge tutt’oggi. Proprio grazie a questo cambiamento il grande pubblico ha potuto conoscere Maria Rachele Ventre conosciuta come Mariele, una delle figure simbolo della trasmissione. La maestra di canto si occupò della direzione artistica dello show, dalla scelta dei concorrenti e l’insegnamento delle canzoni, un compito che Mariele portò avanti fino alla sua morte nel 1995.

Nel 1963 venne creato uno degli elementi più caratteristici della manifestazione: il Piccolo Coro dell’Antoniano, a supporto dei giovani interpreti e dedicato proprio a Mariele dopo la sua scomparsa.

Topo Gigio uno dei personaggi più amati della TV

20051122-BOLOGNA-SPE:TV:PRIMA GIORNATA ‘ZECCHINO D’ORO’. Cino Tortorella fotografato con topo Gigio, al suo rientro nello spettacolo dell’Antoniano, durante la prima puntata dello ‘Zecchino d’oro’.GIORGIO BENVENUTI-ANSA

Negli anni Settanta si aggiunse alla trasmissione un altro popolare personaggio: Topo Gigio. Il pupazzo più amato della tv italiana è riuscito a creare momenti di tenerezza e divertimento all’interno dello Zecchino D’Oro. Indimenticabili sono le sue frasi come “Ma cosa mi dici mai?” oppure “Strapazzami di coccole”. Negli stessi anni, inoltre, lo show compie un passo importante accettando nella competizione anche bambini stranieri e aggiudicandosi così il titolo di internazionale.

Lo Zecchino d’Oro oggi

Tutt’oggi lo Zecchino d’Oro rappresenta un pilastro della televisione italiana. Con l’arrivo del nuovo millennio il programma si è rinnovato a partire dalla conduzione affidata a Sabrina Simoni. Grazie ai social media le canzoni dello zecchino riescono a raggiungere un pubblico sempre più ampio che rafforzò ulteriormente il messaggio.

Nel 2008 il programma ha ricevuto un importante riconoscimento da parte dell’Unesco come Patrimonio dell’Umanità per la Cultura di Pace, concesso per la prima volta a una trasmissione televisiva.

La potenza di questo longevo programma per bambini risiede non solo nella sua leggerezza e allegria, ma anche nella potenza dei temi cantati dalle bianche ugole dei piccoli partecipanti. Un elemento che affronteremo approfonditamente in un’intervista, disponibile nei prossimi giorni, con Franco Fasano autore di molti brani per bambini.

Oggi lo Zecchino d’Oro è divenuto un vero e proprio evento, che catalizza la sua attenzione grazie alla sua capacità di adattarsi alle esigenze generazionali pur mantenendo saldi valori che lo hanno condotto al successo.

ZECCHINO D’ORO CASTING TOUR 2020

Commenti