Z Nation: una folle apocalisse zombie

0
909
Z Nation
Z NATION è una serie televisiva statunitense in produzione dal 2014 che ad oggi è composta da quattro stagioni e 55 episodi. La quarta stagione, che in America è terminata nel dicembre 2017, da noi è arrivata solo ad inizio mese. Negli USA è trasmessa dal network Syfy, mentre in Italia è andata in onda su AXN Sci-Fi, canale che è stato ufficialmente chiuso nel 2017, ragione per cui l’ultimo ciclo di episodi sin qui prodotto ha faticato tanto prima di essere finalmente rilasciato. La situazione non si è sbloccata finché non si è trovata una nuova rete disposta ad acquisire i diritti della serie, e ciò è avvenuto grazie a Netflix, che ha poi dato il via alla fruizione della quarta stagione il primo maggio. Intanto in patria Z Nation è già stata rinnovata anche per la quinta stagione.
 
Creata da Karl Schaefer e Craig Engler, è una serie horror splatter/comedy post-apocalittica con gli zombie, con forti derive a tratti demenziali. Essendo ambientata in un futuro distopico in cui a terrorizzare il mondo ci sono i tanto di moda zombie (molto usufruiti dalle produzioni televisive negli ultimi anni), ci si aspetta per forza di cose molte scene horror, cosa che infatti è così, alle quali però si accompagnano come detto numerose gag comico-demenziali.

La trama

Z Nation ha inizio tre anni dopo l’avvenuta apocalisse zombie, ed i protagonisti, un improvvisato gruppo di superstiti decisamente battaglieri, si impegnano, coadiuvati dal Cittadino Z (un hacker che ha sotto controllo visivo la situazione in tutto di mondo), nel tentativo di attraversare tutti gli Stati Uniti per portare in salvo Murphy, apparentemente l’unico essere umano immune dai morsi degli infetti (carinamente chiamati anche “cuccioli e gattini”) ed il cui sangue può essere trasformato nel vaccino in grado di salvare l’umanità! Saranno tante le avventure e soprattutto le folli assurdità che dovranno affrontare il nostro manipolo di “eroi”, il quale spesso verrà fuori egregiamente da queste assurde situazioni nonostante risoluzioni atipiche…
 
La storia è coinvolgente, la sceneggiatura funziona, è in grado di catturare sempre l’attenzione dello spettatore, preso dalle grottesche situazioni che ciascuna puntata presenta. Z Nation, per genere e tematiche, è simile a The Walking Dead (serie ben più nota e di successo a tema zombie), solo che la prima citata si presenta in modo decisamente più trash (perché c’è da dirlo, questa serie è altamente trash!), ed inoltre si prende molto più alla leggera, non inserendo mai particolare drammaticità, ma anzi momenti davvero divertenti, che la rendono la serie apprezzata quale è.
 
La serie sin dagli esordi ha ottenuto un buon successo, soprattutto perché sa mescolare al meglio action ed autoironia, essendo in grado di mostrare la fine del mondo per mano degli zombie ma non prendendosi mai troppo sul serio. Alcune gag sono diventate già cult, nonostante siano avvenute in situazioni all’apparenza tragiche…

Z Nation: il cast

Il mattatore dello show (anche se non ne è il protagonista assoluto) è Keith Allan, il suo Murphy, che lo si ami o lo si odi, è sempre in grado di lasciare lo spettatore a bocca aperta; il resto del cast è composto da: Kellita Smith (già vista anche in The Bernie Mac Show ed in seguito in The First Family), DJ Qualls (Memphis Beat, Legit, e qualche presenza al cinema), Anastasia Baranova, Russell Hodgkinson e Nat Zang, tutti co-protagonisti posti allo stesso livello e tutti ugualmente importanti per le dinamiche della serie; ci sono stati infine alcuni personaggi che sono andati e venuti nel corso delle stagioni di Z Nation… d’altronde in una serie sugli zombie qualcuno dovrà pur morire no?

 

Keith Allan
Commenti