Quanto vale un Oscar per un attore di colore?

0
303
Quanto vale un Oscar per un attore di colore?

Gli Accademy Awards potrebbero essere un successo per gli attori di colore. Tuttavia, il fatto che questo successo potrebbe essere raggiunto dopo 93 anni di storia dello show indica i problemi di Hollywood. Quanto vale un Oscar per un attore di colore? Una volta aggiudicato il premio Oscar, il successo post-Oscar per gli attori di colore non è infatti così immediato come i loro colleghi bianchi. Una soluzione a questo problema? Assumere più direttori e registi di colore.

Gli Accademy Awards saranno un successo per gli attori di colore?

Gli Accademy Awards di questo mese potrebbero essere uno spartiacque per gli attori di colore. Ai recenti Screen Actors Guild Awards gli attori di colore hanno vinto tutti e quattro i premi per la recitazione per la prima volta in assoluto. Miglior attore non protagonista Daniel Kaluuya (“Judas and the Black Messiah”); migliore attrice non protagonista Yuh- jung Youn  (“Minari”); migliore attrice Viola Davis e miglior attore Chadwick Boseman (entrambi “Ma Rainey’s Black Bottom”). Tutti hanno una grande possibilità di ripetere il successo alla cerimonia degli Oscar di domenica. Davis potrebbe diventare la prima donna nera della storia a vincere due Oscar alla recitazione (dopo l’attrice non protagonista per “Fences” nel 2017). Inoltre la seconda donna nera a ricevere il premio come miglior attrice (dopo Halle Berry per “Monster’s Ball” nel 2002).

Il fatto che questi tragurdi non siano stati raggiunti prima nei 93 anni di storia dello show indica un problema più grande a Hollywood: quali performance degli attori di colore sono ritenute degne di un premio e la cerchia ristretta di chi raccoglie i benefici di una vittoria all’Oscar.

Quanto vale un Oscar per un attore di colore?

Molti esperti affermano che per gli attori di colore vincitori dei premi Oscar, a differenza dei loro colleghi bianchi, la spinta post-Oscar non è stata così immediata. Ad esempio l’attrice Jennifer Lawrence è stata scritturata in “The Hunger Games” nemmeno due mesi dopo aver ottenuto la sua prima nomination all’Oscar per “Winter Bone” del 2010. Eddie Redmayne (“The Theory of Everything”) e Brie Larson (“Room”) hanno ottenuto ruoli da protagonista nei franchise “Animali fantastici” e “Captain Marvel”, rispettivamente, meno di sei mesi dopo la vittoria del loro primo Oscar. Invece l’attrice keniota-messicana Lupita Nyong’o dopo la sua vittoria all’Oscar del 2014 per “12 anni schiavo” ha dovuto attendere fino al 2019 prima di essere scritturata come protagonista di un film di Hollywood.

Quindi cosa ci vorrà perché un Oscar diventi una passerella per il successo anche per gli attori neri?  Prima di tutto bisognerebbe assumere più dirigenti e registi di colore. Inoltre la maggioranza dei critici e dei giornalisti che si occupano di film non dovrebbe essere bianca.  


 Leggi anche: Mancano pochi giorni agli Oscar, in quanti la guarderanno?

Commenti