Netflix produrrà un film in live action di “My Hero Academia”.

0
450

L’inclinazione di Netflix per i remake di manga in live action non sparirà tanto presto. Il servizio di streaming ha rivelato che sta collaborando con Legendary Entertainment per un film in live action di My Hero Academia. Il veterano degli adattamenti di anime e manga Shinsuke Sato (Alice in Borderland, Bleach) si occuperà della regia e della produzione esecutiva, mentre Joby Harold, interprete di Obi-Wan Kenobi, scriverà la sceneggiatura.

My Hero Academia: cosa sappiamo

Il manga e l’anime da cui è nato ruotano entrambi intorno a Deku, un ragazzo che desidera entrare nella UA High School e diventare un supereroe nonostante non abbia i poteri naturali che la maggior parte degli esseri umani possiede a quel punto. Sia il manga che l’anime, tuttora in corso, hanno avuto successo, con oltre 65 milioni di copie vendute finora. Non si parla di casting o di una data di uscita per il progetto di Netflix. Toho, che si occupa dell’anime, distribuirà il film nelle sale giapponesi. Come spiega IndieWire, questo arriva quattro anni dopo che la Legendary aveva dichiarato che il film era in lavorazione. Come per i precedenti adattamenti, Netflix ha diversi incentivi per creare un titolo di My Hero Academia. Sta attingendo a una grande base di fan, a volte per produzioni di anime che già offre. In questo modo, inoltre, può attirare clienti che altrimenti si rivolgerebbero a rivali incentrati sugli anime come Crunchyroll, che ha recentemente abbassato i prezzi in alcuni Paesi. Se varrà la pena guardarlo o meno è un’altra questione. Netflix non ha i migliori precedenti per quanto riguarda le trasposizioni in live action di manga e anime. La serie Cowboy Bebop ha frainteso il suo materiale di partenza e in generale ha faticato nonostante un cast di alto livello e una premessa intrigante. C’è anche la questione del formato. Un film non lascia spazio allo sviluppo della storia come una serie a episodi, quindi My Hero Academia potrebbe essere costretto ad affrettare la narrazione.

Commenti