“More Heroes” – Riflettori sul Punk: Alternative TV

0
1292
Gli Alternative TV

“More Heroes” è una rubrica dedicata alla scoperta dei più grandi nomi che hanno fatto la storia del punk, molti dei quali non conosciuti adeguatamente come meriterebbero. Oggi i riflettori sono puntati sugli Alternative TV.

Mark Perry e la sua creatura

Nati a Londra nel 1977 gli Alternative TV sono la creatura musicale di Mark Perry, da sempre unico membro stabile tra decine di cambi di formazione. All’epoca impiegato in una banca, rimane affascinato e stregato dalla nascente scena punk tanto che riuscì a diventarne una figura di spicco ancor prima della formazione della propria band. Perry infatti è stato autore e giornalista di “Sniffin’ Glue” (in omaggio ad un brano dei Ramones), probabilmente la più importanze fanzine del mondo punk rock, con cui documentò, intervistò e diede risalto, spesso in anticipo rispetto alla stampa ufficiale, ai gruppi, alle personalità e agli avvenimenti di questa potente rivoluzione nel mondo della musica. Nonostante fosse una rivista composta da poche pagine fotocopiate e spillate ebbe uno straordinario successo, passando dalle decine di copie dei primi numeri alle 10.000 della dodicesima e ultima uscita nell’estate del 1977.

Copertina dell’ultimo numero della fanzine “Sniffin’ Glue.” In allegato venne pubblicato il primo disco degli Alternative TV, “Love Lie Limp”. Il brano venne poi inserito come lato B per il 45 giri “Life” del 1978.

Nello stesso periodo nascono gli Alternative TV la cui carriera, come già accennato, sarà funestata da una line up instabile. Nei primi anni un ruolo importante lo giocheranno il chitarrista e cofondatore Alex Fergusson (autore di molti pezzi scritti con Perry), il bassista Tyrone Thomas e il batterista Chris Bennett. Questi nomi rappresentano quella che è la formazione “classica” della band.

Discografia punk

Già verso la metà del 1978 Perry prova un forte senso di disillusione nei confronti della scena punk. Nella sua musica cominciano a comparire i primi accenni di una forte sperimentazione elettronica dai tratti avanguardistici che nel giro di poco tempo diventeranno dominanti. Sono da considerare in ottica puramente punk le prime uscite della band, brani registrati negli studi della EMI in vista di un contratto che non si concretizzò: “How Much Longer / You Bastard” e “Live After Life” dell’anno precedente, “Action Time Vision” (il cui brano omonimo è diventato un piccolo inno del punk inglese degli anni ’70) e “Life” (inciso con alla batteria John Towe, primo batterista dei Generation X di Billy Idol.)

Copertina dell’album d’esordio degli Alternative TV

Quando gli Alternative TV arrivano al traguardo del primo LP, “The Image Has Cracked” Fergusson ha mollato già da diverso tempo per divergenze con Perry e al posto di Thomas troviamo Dennis Burns. L’album, diviso tra vecchie e nuove sonorità, ottiene comunque un buon successo. Ma l’anno successivo il singolo “The Force Is Blind” e il secondo LP “Vibing Up The Senile Man” registrati con ormai il solo Perry della prima formazione e sempre più leader indiscusso, dimostrano chiaramente la strada intrapresa dalla band. Ma lo scioglimento è imminente a seguito dello scarso interesse del pubblico per questa nuova direzione musicale.

Cos’è accaduto dopo il 1979?

Un primo tentativo di riformare la band avviene nel 1981 in cui Perry pubblica un terzo album dal titolo “Strange Kicks” a cui collabora un ritrovato Fergusson. Ma bisogna attendere tre anni dopo affinché gli Alternative TV ritornino stabilmente nel panorama musicale. Attualmente in attività (con un pausa di un decennio tra il 2004 e il 2014) hanno pubblicato diversi dischi tutti dediti alla ricerca musicale e alla sperimentazione di generi, non sdegnando un ritorno a certe atmosfere punk rock a metà degli anni ’90 come testimoniano dischi quali “Punk Life” (1997) e “Apollo” (1999.)

Curiosità

E’ di Mark Perry la celebre frase “Il punk è morto quando i Clash hanno firmato per la CBS”, a seguito della firma di Joe Strummer e soci con un major discografica.

Tutti i lavori discografici degli anni ’70 degli Alternative TV sono stati pubblicati dall’etichetta Deptford Fun City Records di proprietà di Miles Copeland, fratello del più celebre Stewart, batterista dei Police.

Canzoni consigliate:

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here