Le canzoni della nostra storia – La raccolta celebrativa dei Pooh

0
552
Le canzoni della nostra storia copertina

Esce oggi, 20 novembre 2020, la raccolta celebrativa dei 50 anni di carriera dei Pooh, dal 1966 al 2016: Le canzoni della nostra storia. Contiene l’inedito “Meno male”, provino originale e con un testo totalmente diverso di “Tanta voglia di lei”, il brano con cui iniziava la vera storia del gruppo.

Che brani sono inseriti ne “Le canzoni della nostra storia”?

Nel cofanetto, disponibile in versione 4CD e 3LP, sono contenute le migliori canzoni del gruppo italiano, dall’anno 1966 al 2016. Troviamo al suo interno i brani più famosi e amati dal pubblico registrati durante l’intero arco della vita musicale dei Pooh, alcuni in versioni live, altre in versione ‘collection’): Tanta voglia di lei, Piccola Katy, Pensiero, Noi due nel mondo e nell’anima, Dammi solo un minuto, Notte a sorpresa, Io sono vivo, Chi fermerà la musica, Uomini soli, 50 primavere, Amici per sempre, Mi manchi, solo per citare alcuni titoli. La raccolta si apre con una vera perla, l’inedito “Meno male” , primo provino in assoluto di “Tanta voglia di lei”. Quella nel cofanetto è una versione totalmente diversa del brano che tutti conosciamo, infatti porta un titolo diverso e il testo è completamente differente da quello comparso poi nell’album Opera Prima del 1971. 

Le canzoni della nostra storia: il progetto

“Le canzoni della nostra storia”  è il progetto discografico celebrativo dell’incredibile percorso artistico dei Pooh, che raccoglie per la prima volta in un’unica raccolta, le loro più belle canzoni. Questa raccola è il riconoscimento dell’enorme successo di un gruppo tra i più importanti e amati nella storia della musica italiana. “Quando la Sony ci ha proposto di pubblicare una raccolta dei nostri più grandi successi abbiamo pensato che per la prima volta avremmo potuto farlo spaziando nelle canzoni della nostra vita”  hanno dichiarato i Pooh. “1966-2016, un arco di tempo durante il quale è racchiuso tutto il mondo Pooh: i brani che meglio hanno rappresentato 50 anni di carriera, tutti i sogni, le speranze, i progetti, i successi e le delusioni, gli obiettivi raggiunti, la nostra amicizia e soprattutto un filo rosso che ci lega e ci legherà per sempre ai nostri fan. Il nostro pubblico, che è cresciuto insieme a noi ed ha sofferto nei nostri momenti difficili e gioito in quelli felici, rimanendo sempre al nostro fianco”.

Morto Stefano D’Orazio, batterista dei Pooh

Commenti