La chitarra di Eddie Van Halen in cinque successi

0
612

Se artisti del calibro di Eric Clapton e Jimmy Page erano gli dei della chitarra che sono venuti prima di lui, allora la chitarra di Eddie Van Halen lo faceva essrre il giovane emergente che si è imposto sulla scena del rock’ n’ roll a metà degli anni ’70 e si è semplicemente rifiutato di andarsene. Insieme ai suoi compagni della band Van Halen, il fratello Alex alla batteria, il cantante e collega showman David Lee Roth e il bassista Michael Anthony, Eddie Van Halen si è annunciato al mondo con l’omonimo album di debutto della band nel 1978.

In un momento in cui la ricerca della celebrità del rock’ n’ roll si prendeva un po’ troppo sul serio e la discoteca dominava le classifiche, arrivò Eddie Van Halen, sorridendo da un orecchio all’altro e strappando assoli di chitarra come se si stesse divertendo.

Fin da giovane ha studiato pianoforte classico e quando usava il suo inconfondibile stile di picchiettamento a due mani sul manico della sua chitarra sembrava spesso che stesse suonando il piano. Dopo la sua morte, ieri 6 ottobre 2020, all’età di 65 anni, è tempo di dare uno sguardo a cinque dei più grandi successi della chitarra di Eddie Van Halen.

Panama

Un paio di anni prima che il cantante originale “Diamond” David Lee Roth venisse sostituito, i Van Halen pubblicarono il loro album 1984. Erano passati sei anni dal loro omonimo album di debutto e la band era semplicemente al top. 1984 conteneva la canzone Hot for Teacher con il suo intro di batteria e chitarra immediatamente riconoscibile. Tuttavia è stato Panama, con il riff di Eddie, che si è distinto.

Jump

C’era anche un’altra traccia in 1984 che ha fatto qualche ondata. Jump è stato il primo singolo dall’album, pubblicato alla fine del 1983, e conteneva uno degli assoli di chitarra caratteristici di Eddie. La canzone è un po’ insolita per Van Halen, nel senso che è costruita in gran parte attorno a un suono di tastiera estremamente distintivo, ma Eddie ha messo il suo timbro sulla canzone. A metà circa scoppia in un assolo che è inconfondibilmente lui. Il video clip, non dimentichiamo che questo brano è uscito nel momento in cui MTV stava esplodendo, è puro spettacolo con Eddie che sorride tutto il tempo e fa sembrare complessi assoli di chitarra la cosa più facile del mondo.

Eruption

Eruption è la seconda traccia, strumentale, dell’omonimo album di debutto della band del 1978. Pensiamoci per un momento. I Van Halen calcano i palchi da circa cinque anni a questo punto, quindi sanno di essere bravi. Sanno come mettere su uno spettacolo. Tuttavia, questo è il loro primo album e dopo aver aperto con il relativamente tranquillo Runnin’ with the Devil, Eddie si lancia, senza paracadute, su Eruption. “Mi piace il modo in cui suona Eruption. Non avevo mai sentito una chitarra suonare così prima, come uno strumento classico”, ha detto alla rivista Guitar World nel 1996. “Allora, band come Fleetwood Mac e Boston trascorrevano qualcosa come tre anni sull’album [sic], quindi puoi solo immaginare il costo. Eruption, come la maggior parte delle altre canzoni del primo album, è stato eseguito praticamente dal vivo.” È una dichiarazione di intenti più che altro e non lasciava dubbi sul talento di Eddie Van Halen in questo primo momento della carriera della band.

Why Can’t This Be Love

Dopo lo shock della separazione da David Lee Roth e di aver acquisito Sammy Hagar come nuovo cantante della band, i Van Halen hanno pubblicato uno dei loro album di maggior successo nel 1986. Eddie Van Halen ha detto alla rivista Guitar World, nella stessa intervista del 1996, che Why Can’t This Be Lovesuona così elaborato a causa della strumentazione” e dice che la canzone è “più pop-popolare, ma non vedo cosa c’è di sbagliato in questo. Mi piacerebbe aver scritto un canto di Natale“. La canzone ha raggiunto il numero tre della classifica Billboard Hot 100 e ha contribuito a spingere l’album 5150 al primo posto nella classifica degli album. “Penso che la gente avesse paura che i Van Halen avrebbe iniziato a suonare come uno degli album solisti di Sammy“, ha detto Eddie. “Ma sapevo che non sarebbe successo perché avrei scritto la musica“.

Poundcake

Perché limitarti a solo sei corde su una chitarra elettrica quando puoi suonarne 12 o più? Poundcake, dall’album del 1991 For Unlawful Carnal Knowledge, vede Eddie che suona un paio di chitarre elettriche a 12 corde, insieme al suo solito attacco a sei corde. È senza dubbio una delle sue creazioni in studio più complesse, ma quando hai così tanta tecnologia a tua disposizione e la spavalderia per usarla, perché non divertirti? È il classico Eddie Van Halen e il motivo per cui sarà ricordato come un genio in studio, una stella cadente sul palco e uno dei grandi chitarristi del rock ‘n’ roll.

Commenti