La casa di carta: come sono stati creati tutti quei soldi?

0
535
La casa di carta
La casa di carta

Con una quinta e ultima parte che arriverà nei prossimi mesi, La casa di carta è pronta a infrangere qualsiasi record, e dimostrarsi come uno degli show più di successo della storia della piattaforma streaming di Netflix.

Dove sono stampati i soldi finti de LCDP?

La realtà è ben diversa. Per stampare un grande quantitativo di soldi servivano delle strutture potenti, in grado di produrre in serie centinaia (di migliaia) di fogli in poco tempo. Per questo motivo, i produttori dello show hanno deciso di rivolgersi alla serie del quotidiano spagnolo ABC, il più vecchio tra i giornali di stampo generalista pubblicati a Madrid, attivo sin dal 1903.

La creazione rapida

Per permettere una creazione rapida delle banconote, quindi, le sedi di ABC sono sfruttate per stampare in serie i soldi destinati al prodotto originariamente pensato per Antena 3, con un processo di stampa che ricalcasse quello del giornale vero e proprio, su fogli di grande formato.

La casa di carta

La casa di carta ha fatto il suo debutto nel 2017 sul canale spagnolo Antena 3. La serie è subito acquisita da Netflix, che ha ritrasmesso la prima stagione rimontata e decidendo anche di ridurre la durata degli episodi dividendola anche in due parti.

Denver

Giovedì 1 aprile, Jaime Llorente alias Denver, con un post ancora più esplicito: “Comincia il conto alla rovescia”. L’hashtag, ovviamente è quello d’ordinanza, #lcdp5. E a questo punto il popolo dei fan de La Casa di Carta è entrato in fibrillazione”.


La casa di carta: Netflix conferma il remake coreano


Commenti