Il Sesto Senso – recensione di un classico dei thriller sovrannaturali

Recensione de "Il Sesto Senso", grande classico in cui Bruce Willis dà il meglio di sé. Un film passato alla storia, con una scena particolarmente iconica.

0
1205

“Il Sesto Senso” è un thriller sovrannaturale, con elementi horror e drammatici, del 1999. Il film è diretto e sceneggiato da M. Night Shyamalan, e rappresenta proprio l’opera che ha portato il regista per la prima volta ad un enorme successo di pubblico. Il cast include: Bruce Willis, Haley Joel Osment, Toni Colette, Olivia Williams, Trevor Morgan, Donnie Wahlberg. Si tratta di uno dei film di maggior successo di sempre, di un’opera diventata a dir poco iconica grazie sia al particolare tema trattato che alla sua qualità.

TRAMA: Malcom è uno psichiatra infantile di grandissimo successo ma, proprio quando la sua carriera giunge al culmine, un suo ex paziente diventato adulto si suicida davanti ad i suoi occhi. La vita di Malcom ne è completamente stravolta ma, un anno dopo, l’incontro con un bambino molto simile a quel paziente è per lui una sorta di seconda opportunità, un modo per ottenere un successo laddove anni prima aveva fallito. Ma la situazione del nuovo bambino è peggiore di quanto pensasse: oltre a traumi familiari e bullismo scolastico sembra esserci anche una questione sovrannaturale…

Recensione – Il Sesto Senso

Raramente un film in cui si mischiano tre generi differenti riesce a garantire un risultato soddisfacente, ad amalgamare bene tutti gli elementi in maniera tale che tutto combaci alla perfezione: ebbene, “Il Sesto Senso” è il perfetto esemplare di film in cui questi aspetti riescono a collimare in maniera impeccabile. I due drammi dei protagonisti si compenetrano alla perfezione, le loro personalità collimano al punto che entrambi saranno capaci di aiutare l’altro in maniera definitiva: Malcom e Cole sono esattamente ciò di cui l’altro ha bisogno, e questa sinergia crea una base estremamente solida su cui il film si costruisce. Le interpretazioni dei due protagonisti sono assolutamente impeccabili: essi si calano alla perfezione nei personaggi, ne interpretano debolezze, punti di forza, ogni dettaglio; lo stesso vale per tutti gli altri attori, adulti e bambini, ed in particolar modo per le due donne che vivono i propri drammi – la madre di Cole, la moglie di Malcom.

D’altro canto, le modalità con cui l’orrore si sviscera a poco a poco riesce a travolgere completamente lo spettatore, ad emozionarlo, a coinvolgerlo: i pochissimi jump-scare sono efficaci e le modalità con cui i fantasmi si palesano permettono allo spettatore di calarsi completamente nei panni di Cole. Man mano che il mistero fa il suo corso, la tecnica di regia e la perfezione della sceneggiatura si rivelano in tutta la loro limpidezza. Gli attimi di thriller psicologico ed altri di raccapricciante horror che non si dimenticano mai del tema portante del film e che riescono quindi ad adattarsi al contesto drammatico.

Fra inquadrature poetiche, sequenze che vogliono sottolineare il più realisticamente possibili alcune dinamiche comuni a molte vite ed un finale assolutamente stupefacente che stravolge completamente il dramma di uno dei due protagonisti, “Il Sesto Senso” è un film a dir poco meraviglioso, in cui ogni dettaglio sta perfettamente al suo posto e si può scorgere anche un barlume di una certa filosofia metafisica nello sfondo dell’intera pellicola.

Il trailer de “Il Sesto Senso”.

Il film è disponibile in streaming sulle piattaforme Neflix, Ruken TV, Chili, TimVision, iTunes, Google Play.

LEGGI ANCHE: Halloween: i migliori film su Netflix

https://www.youtube.com/watch?v=0H7cMd8K5Zs
Commenti