Il film “non femminista” di Julie Taymor

0
211
Julie Taymor
Julie Taymor

“The Glorias” è il racconto della vita della femminista ed attivista americana Gloria Steinem diretto dalla regista Julie Taymor che tiene a specificare che non si tratta del solito film “femminista” pieno di stereotipi.

Il nuovo film di Julie Taymor

Si chiama “The Glorias” il nuovo film che vede la regista Julie Taymor alle prese con il racconto della vita della femminista Gloria Steinem. Tuttavia, come la stessa Taymor afferma, non è un film “femminista”. Se lo fosse, infatti, si tratterebbe dell’ennesima etichetta inappropriata e riduttiva. The Glorias è, in realtà “un film che racconta ottant’anni della vita di una donna, tanto è vero che ad interpretare la protagonista ci sono quattro attrici; ma è anche un film che riguarda un movimento e tutte coloro che vi si riconoscono, non a caso il film si intitola “The Glorias”, al plurale“, le sue parole. È una storia di donne interpretata da quattro attrici differenti, tra cui i premi Oscar Julianne Moore e Alicia Vikander; inoltre Lulu Wilson e Ryan Kiera Armstrong. Nel cast troviamo poi Bette MidlerJanelle MonáeLorraine Toussaint. Alla sceneggiatura ha collaborato la finalista del Premio Pulitzer Sarah Ruhl.

“The Glorias”, tra ostacoli e lavoro di squadra

Tratto da un libro best seller negli Stati Uniti, ovvero l’autobiografia di Gloria Steinem, “My life on the road”, The Glorias ha avuto un percorso di produzione in salita, soprattutto nella fase della ricerca dei finanziamenti quando anche Hollywood ha girato le spalle alla Taylor. “Nonostante fosse tratto da un bestseller non riuscivamo a trovare sufficienti finanziamenti, fino a quando abbiamo trovato il sostegno di un’organizzazione no profit“, racconta la regista, non nuova a battagliare ed inflessibile nel non cedere a facili compromessi. “In genere gli ostacoli ci sono, ma io preferisco tirare dritto, non focalizzarmi sugli ostacoli ma sul mio lavoro. Di certo il fatto di essere donna fa parte delle difficoltà di questo lavoro, ma non ho mai permesso che questo mi ostacolasse. L’importante è avere una squadra al tuo fianco, una visione e un progetto da portare avanti“, ha concluso.

Commenti