I Måneskin approdano negli Stati Uniti

0
298
I Måneskin e gli USA

I Måneskin portano la loro inesauribile carica oltreoceano con due show negli Stati Uniti e un’ospitata al Tonight Show di Jimmy Fallon.

Quand’è che i Måneskin terranno i live?

Gli show che i Måneskin terranno negli States sono previsti per mercoledì 27 ottobre 2021, al Bowery Ballroom di New York, e lunedì 1 novembre al Roxy Theatre di Los Angeles. Il 26 ottobre 2021 saranno inoltre ospiti dell’iconico Tonight Show presentato da Jimmy Fallon. L’ospitata segnerà il loro debutto televisivo negli Stati Uniti. Intanto, il singolo “Mammamia” sta spopolando. Con oltre 3,4 miliardi di streaming su tutte le piattaforme digitali e più di 43 milioni di ascoltatori mensili su Spotify, Victoria, Damiano, Thomas e Ethan hanno conquistato tutto il mondo. Il singolo pubblicato l’8 ottobre ha raggiunto la posizione #24 della Classifica Global di Spotify nel weekend di uscita, segnando il più alto debutto in classifica fra le nuove uscite e il più alto di sempre per la band.

I Måneskin e gli Stati Uniti

Le principali testate degli States sembrano entusiaste quanto i fan della band. I Måneskin riscuotono successo e recensioni positive. “’Beggin’” dei Måneskin continua a regnare in cima all’Alternative Airplay Chart, consacrando la più veloce conquista della vetta per una nuova band negli ultimi venticinque anni”, scrive Billboard US. “Hanno vinto l’Eurovision. Riusciranno a conquistare il mondo? […] I Måneskin sono un potente concentrato di carisma ed energia sul palco, hanno abbattuto le barriere linguistiche e di genere e difendono l’auto-espressione. C’è qualcosa di molto rivoluzionario in loro”, scrive il New York Times. Ma la più lusinghiera delle recensione arriva probabilmente da Rolling Stone.

“Trasudante spavalderia”

“Trasudante spavalderia glam-rock”. Esordisce così Rolling Stone. “I Måneskin sono pronti per conquistare il mondo con un sound che ha contribuito a creare un vero e proprio fandom globale. […] “Beggin’” ha portato via il primo posto a Olivia Rodrigo. […] Per i Måneskin, la libertà sessuale è legata ai loro testi e al loro stile”.

Commenti