8 dettagli del Gladiatore che non hai mai notato

0
324
8 dettagli del gladiatore

Il Gladiatore è un film epico di Ridley Scott fu un successo così entusiasmante che fece rivivere da solo tutto il genere, ma ci sono 8 dettagli del Gladiaotre che potrebbero esservi sfuggiti.

Il Gladiatore è un film colossal del 2000 diretto da Ridley Scott, interpretato da Russell CroweJoaquin Phoenix, Connie Nielsen, Richard Harris, Oliver Reed e Tomas Arana. Nel 2001 ha vinto diversi Premi Oscar: miglior film a Douglas Wick, David Franzoni e Branko Lustig, miglior attore protagonista a Russell Crowe, migliori costumi a Janty Yates, miglior sonoro a Scott Millan, Bob Beemer e Ken Weston e migliori effetti speciali a John Nelson, Neil Corbould, Tim Burke e Tom Harvey.

8 dettagli del Gladiatore

Ci sono indubbiamente centinaia di piccoli dettagli nel film che lo spettatore medio non si preoccuperebbe nemmeno di notare, quindi ecco 8 dettagli del Gladiatore che probabilmente anche un fan potrebbe aver perso.

Un gladiatore della vita reale

Russell Crowe ha la reputazione di grande attore, e se la sua esperienza sul set di Gladiator è indicativa, la sua reputazione è ben meritata. Ovviamente anche se recita, girare un film può essere piuttosto faticoso, soprattutto se si tratta di un ruolo fisicamente impegnativo come quello di Massimo. Durante le riprese del Gladiatore, Russell Crowe ha subito una serie di lesioni, tra cui una lesione al tendine d’Achille, tendini del bicipite slogati, un osso dell’anca rotto e un osso del piede rotto. E dopo un certo combattimento con la spada disse di aver perso la sensibilità nell’indice destro per due anni.

Chi non c’è più

Il Gladiatore Oliver Reed

Il Gladiatore è stato un film che ha richiesto molto tempo per le riprese. Una delle star principali del film è morta tre settimane prima che le riprese si concludessero. Oliver Reed, che ha interpretato Proximo nel film, è morto improvvisamente di infarto all’età di 61 anni. E il suo ruolo era molto importante nel film che Ridley Scott che avrebbe potuto riprendere tutte le scene con un altro attore, ma Scott ha preferito mantenere Reed nel film. Pertanto la sceneggiatura è stata parzialmente riscritta.

Le ferite della battaglia

Dopo che l’epica scena della battaglia di apertura di Gladiator è giunta alla sua conclusione, Massimo sfoggia alcune ferite abbastanza evidenti sul suo viso. Non sarebbe una sorpresa se si fosse voluto farlo sembrare un po’ peggio di quello che avrebbero dovuto essere, ma le ferite alla faccia di Crowe erano effettivamente reali. Apparentemente era a cavallo e il cavallo si è spaventato, il che ha portato Russell contro alcuni rami di un albero. Quindi i tagli sul suo viso erano reali e i punti di cui aveva bisogno per chiudere le ferite sono effettivamente visibili in alcune scene.

I famigerati pollici versi

Ogni volta che viene girato un film su una cultura e una società che ha letteralmente migliaia di anni, è una garanzia assoluta che ci sarà un numero considerevole di anacronismi nel film. Tuttavia, c’era una particolare tradizione romana su cui Gladiator doveva rivoltare completamente la sceneggiatura, in un senso piuttosto letterale. Nel film si fa un uso liberale e drammatico dei suoi pollici su e pollici giù. Tuttavia, nell’antica Roma, il pollice in giù significava in realtà misericordia mentre un pollice in alto significava una lotta fino alla morte. Ma poiché i segnali del pollice in su e del pollice in giù sono così saldamente radicati nella nostra cultura ancora oggi, ma vengono usati in modo contrario, i cineasti hanno deciso di non confondere il pubblico.

Due mila comparse, ritagli di cartone e CGI

Chiaramente quando un film sta tentando di ricreare la grandiosità assoluta del Colosseo, richiederà un grande sforzo e una buona dose di inganno. Quando Maximus sta combattendo nel Colosseo, il film ha assunto circa duemila comparse per far sembrare affollato il pubblico dell’arena. Ma c’erano anche alcuni membri del pubblico ricreati al computer e anche un numero significativo di ritagli di cartone usati nell’arena.

Il dettaglio western nell’antica Roma

Ora ecco un dettaglio che sarebbe quasi impossibile da catturare. O almeno, è il tipo di dettaglio che richiede un occhio estremamente attento, una discreta conoscenza del latino e un buon ricordo delle classiche curiosità occidentali. I cavalli che adornano il pettorale di Massimo sono chiamati Argento e Scatto, che sono le parole latine per Argento e Trigger. Roy Rogers cavalcava notoriamente un cavallo di nome Trigger, e il cavallo del Lone Ranger si chiamava Argento. Qualcuno che lavorava alla produzione del Gladiatore era un grande fan dei vecchi western.

La rivisitazione storica

Quando si tratta di precisione storica, il Gladiatore è molto simile a un tipico pezzo del periodo di Hollywood. Alcune parti sono immaginarie e altre sono fondate sulla realtà. Ad esempio, Massimo è un personaggio completamente immaginario, ma è chiaramente ispirato da alcuni personaggi storici reali. Ci sono parti di molti uomini della vita reale che sono stati inseriti nella caratterizzazione di Massimo, ma le due ispirazioni più grandi e famose sono Spartacus e Narciso. Spartacus guidò in modo molto famoso una rivolta di schiavi, e Narciso è l’uomo che ha effettivamente ucciso il vero Commodo. E Massimo era anche chiamato Narciso nella sceneggiatura originale.

La statua di Nerone

Ad un certo punto del film Cicerone sta aspettando Lucilla fuori dal Colosseo, e lo si vede in piedi accanto ai piedi di una gigantesca statua. Il film non lo conferma mai, ma è molto probabile che la statua sia il Colosso di Nerone, una statua alta quasi trenta metri che il famigerato imperatore Nerone si era fatto erigere fuori dal Colosseo.

Commenti