Padroni di niente: il nuovo singolo di Fiorella Mannoia

0
576
Padroni di Niente

Il singolo “Padroni di Niente” conferma il sodalizio artistico tra Fiorella e Amara. Racconta della consapevolezza che “nessuno è padrone di nulla”. Un invito a concentrarsi di più sul valore della vita e su ciò che ad essa da senso.

Padroni di niente: esperienza riuscita?

Padroni di Niente” è figlio di un periodo storico ben preciso, di pensieri e riflessioni scaturiti da un evento eccezionale e fuori da ogni previsione. Evento che nessuno avrebbe mai pensato o immaginato di poter vivere. Così Fiorella, attraverso le canzoni che canta e le storie che racconta, pone l’attenzione sull’uomo e sulla nostra “umanità”. Quella da cui bisognerebbe ripartire per non ritrovarci, appunto. Fioriella si esprime come sempre su livelli altissimi, ponendo tutta la sua esperienza a servizio del brano. Non c’è nulla al di sopra delle righe o anche al di sotto volendo. E’ tutto perfettamente equilibrato sullo stile della Mannoia. Non fa rimpiangere vecchi successi o vecchi album, anzi da l’idea di un nuovo percorso ben intrapreso. In questo album Fiorella Mannoia legge la vita come una esperienza spirituale, dove l’uomo è a contatto con l’essere più che l’avere.

Tracklist

“Padroni di Niente” (Amara) 

“Chissà Da Dove Arriva Una Canzone” (Ultimo) 

“Si È Rotto” (Enrico Lotterini, Fabio Capezzone, Fiorella Mannoia) 

“La Gente Parla” (Amara, Simone Cristicchi) 

“Sogna” (Edoardo Galletti, Fiorella Mannoia) 

“Olà” (Bungaro, Cesare Chiodo, Rakele, Fiorella Mannoia) 

“Eccomi Qui” (Bungaro, Cesare Chiodo, Carlo Di Francesco)  

“Solo Una Figlia (con Olivia XX)” 

Il video

Il video è un racconto in cui il mondo ritratto nella copertina dell’album si anima. Con la regia e direzione artistica di Paolo De Francesco, e prendono forma e vita immagini significative della nostra umanità. Fiorella nel cantare le parole del brano, osserva la propria civiltà, ci si specchia dentro e riflette su tutto il bello e il brutto che l’uomo ha costruito, come nella copertina del disco.

Commenti