“More Heroes” – Riflettori sul Punk: gli Eater

0
854

“More Heroes” è una rubrica dedicata alla scoperta dei più grandi nomi che hanno fatto la storia del punk, molti dei quali non conosciuti adeguatamente come meriterebbero. Oggi i riflettori sono puntati sugli Eater.

Tra i tanti gruppi “metora” del mondo del punk rock, gli Eater rappresentano uno dei nomi più conosciuti. Nati a Finchley, un sobborgo a nord di Londra, rimasero in attività per soli tre anni. La formazione vedeva Ashruf Radwan (d’origine egiziana) conosciuto come Andy Blade alla voce, Brian “Chevette” Haddock alla chitarra, Ian Woodcock al basso e Roger “Dee Generate” Bullen alla batteria, sostituito dopo un anno da Phil Rowland.

Gli Eater sono conosciuti per la giovanissima età dei suoi componenti che andava dai 14 ai 17 anni. Questo ne fa la band più giovane di tutto il panorama inglese. Tuttavia ciò non ha impedito loro di raggiungere traguardi importanti: oltre ad essere stati presenza fissa al celebre Roxy Club di Londra hanno suonato assieme a molti celebri nomi della scena punk britannica quali i Damned, i Buzzcocks, gli Sham 69, i Lurkers e Johnny Moped.

Nonostante la loro breve carriera gli Eater hanno inciso diverso materiale in studio. Di esso viene sopratutto ricordato il singolo “Thinkin’ Of The Usa” e il loro unico LP dal titolo “The Album”, entrambi del 1977. Tra le varie tracce spiccano le cover di “Sweet Jane” e “Waiting For a Man” dei Velvet Underground e “Queen Bitch” di David Bowie. Vi è anche un rifacimento di “I’m Eighteen” di Alice Cooper intitolata “Fifteen”. L’ex cantante dei Black Flag Henry Rollins ha inserito il disco nel suo elenco dei 20 album punk preferiti.

La copertina di “The Album”, unico LP inciso dagli Eater.

Scioltasi nel 1979 la band si è riunita diverse volte negli anni a venire, tra cui nel 1999 in supporto ai Fugazi. Nel 1997 incisero due nuove canzoni intitolate “Vegetable Girl” e “Going Down” in previsione di un singolo che non venne mai realizzato. Entrambe le tracce sono presenti nella compilation “The Eater Chronicles 1976-2003” pubblicata nel 2003.

Canzoni consigliate:

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here