MARCO CANTINI “Zero moltiplica tutto”

0
213

Il 30 novembre 2023 è uscito per la RadiciMusic di Aldo Coppola Neri il quarto disco di inediti del cantautore toscano Marco Cantini dal titolo “Zero moltiplica tutto”.

La parola come centralità di un lavoro che conferma quella forma impegnata ed impegnativa a cui l’artista ci ha abituati sin dal suo esordio nel 2010. Torna oggi dopo anni di crisi sociali, pandemia, e difficoltà vissute anche sul piano personale. Torna con un disco che sin dal titolo scopre carte assai velenose ai bordi: torna con Zero moltiplica tutto a chiudere una trilogia concettuale inaugurata da “Siamo noi quelli che aspettavamo” (RadiciMusic, 2016) e proseguita con “La febbre incendiaria” (RadiciMusic, 2018). Stavolta non si tratta di un concept, ma il filo conduttore si dipana ancora una volta attorno alle vite dei vinti, degli oppressi che restano al centro dell’indagine narrativa: personaggi e fatti storici strettamente necessari a raccontare il presente.

____________________________________
“Zero moltiplica tutto” – il concept

Tutto scorre dentro esposizioni spietate di crisi e rassegnate disperazioni, sottolineate anche dai salti nell’autobiografismo piu dolente dovuto ai recenti accadimenti della vita del cantautore toscano (“Fiori”“Quello che segue”“Madre”). Il titolo del disco riprende un verso del brano “In partenza” che sanciva l’epilogo dell’album precedente “Siamo noi quelli che aspettavamo”: il professore che lasciava tutto per altri lidi, nello stato incommensurabile del suo esilio imposto dal sistema, era indubbiamente un’esortazione a reagire, a riprendersi ogni cosa, cercando nuove radici e semi da piantare. Proprio questo monito sotteso anni fa, sembra ritrovarsi oggi definitivamente sepolto dal titolo cosi tranchant, dove tutto si azzera, come a dire che in fondo, di quell’affannarsi, non e sopravvissuto piu nulla.

Un titolo dal carattere perentorio che intercetta molteplici temi affrontati nei brani ed e proprio uno di questi assunti che pare chiedersi cosa sia rimasto di quelle lotte alle quali fa riferimento anche la copertina realizzata dal pittore Gianni Dorigo (sua la firma sulle opere che impreziosisce la veste grafica del libretto allegato).

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here