16 dicembre 1770 nasce il genio Beethoven

“Catturerò il destino afferrandolo per il collo. Non mi dominerà.” Ludwig van Beethoven

1
3079


Oggi ricordiamo il compleanno di Ludwig van Beethoven. (C’è qualche incertezza sulla data, ma il 16 dicembre è stato il giorno in cui Beethoven stesso ha considerato il suo compleanno.)

L’infanzia di Beethoven

Beethoven nacque nella piccola città tedesca di Bonn nel dicembre del 1770 e divenne maggiorenne nel periodo del classicismo. Fu presto riconosciuto come un bambino prodigio e, quando si trasferì a Vienna da giovane, si affermò rapidamente come compositore di spicco. All’incirca nello stesso momento, cominciò a perdere l’udito; sorprendentemente, gran parte della sua musica è stata scritta quando era parzialmente o praticamente sordo.

Le prime opere

A trent’anni Beethoven iniziò a tracciare una nuova linea musicale, componendo opere che sono ancora centrali nel repertorio. Le sue opere più familiari sono probabilmente le sue sinfonie e concerti. Ma la sua musica da pianoforte e da camera non è meno significativa, e si è anche avventurato nella musica sacra, e la sua unica opera (Missa Solemnis) continua ad essere eseguita regolarmente. Beethoven divenne una celebrità europea durante la sua vita – anche se alcune delle sue opere successive sconcertarono i suoi contemporanei e dovettero aspettare decenni per il vero apprezzamento. Dopo la sua morte, avvenuta a Vienna Il 26 marzo del 1827, la sua influenza si è solo allargata – in effetti, la sua importanza sulla composizione, sul ruolo ricoperto dai compositori e sugli artisti è difficile da sottovalutare.

I tre periodi

Non molto tempo dopo la morte di Beethoven, la gente iniziò a parlare di “tre periodi” nella sua musica. Nonostante le ovvie semplificazioni coinvolte, questa divisione continua ad essere utilizzata e discussa oggi.

Periodo iniziale (fino al 1802)


All’inizio, Beethoven utilizza il linguaggio del classicismo viennese stabilito da compositori precedenti, soprattutto Haydn e Mozart. Qui l’accento è posto sulla chiarezza, la moderazione e l’equilibrio. In questo periodo Beethoven scrive anche molti brani minori per un consumo pronto per il pubblico – balli, variazioni su melodie familiari, etc. Esempi: Sinfonia n. 1, Quartetto d’archi n. 1

Periodo medio (1802-1812)

Da questi dieci anni, sorprendentemente produttivi, provengono la maggior parte dei brani che il pubblico considera “il famoso Beethoven”, come la Quinta Sinfonia, il Concerto per violino e l’opera “Fidelio”. Beethoven ora va oltre le convenzioni del classicismo e della scrittura con un tono più audace e più individuale. A molti ascoltatori, brani di questo periodo, sembrano andare oltre la semplice parola musica, per affrontare temi umani come la lotta, l’asserzione o la celebrazione. (A volte questo periodo è anche chiamato periodo “eroico” di Beethoven.) Spesso, questi nuovi pezzi sono semplicemente più lunghi, poiché Beethoven sviluppa la sua tecnica di prendere un tema semplice e di elaborare le sue implicazioni per il massimo effetto. Questo periodo vede anche Beethoven elaborare il proprio approccio alla sinfonia, che eserciterà un’enorme influenza sui compositori successivi. Esempi: Sinfonia No. 5; Concerto per pianoforte n. 4

Tardo periodo (1812-1827)


Questi ultimi anni sono più difficili da riassumere. Includono alcune opere grandi e imponenti come la Nona Sinfonia e, occasionalmente, brani che potremmo definire di “sostentamento”. Se il periodo intermedio del compositore è “pubblico”, allora questo “tardo Beethoven” potrebbe essere considerato privato. Molte delle opere di Beethoven sono ora destinate a forze minori, in particolare il quartetto d’archi e il piano solista. Non ci sono più concerti e meno sinfonie. La precedente urgenza lascia il posto a stati d’animo che sono stati descritti da parole come “interiore”, “contemplativo” e “visionario”. A volte i pezzi non sono più organizzati su disegni standard (come una sonata a tre movimenti), ma su un piano più libero – senza alcuna perdita di profondità musicale. In effetti, queste opere finali sono spesso definite le più impegnative che Beethoven ha scritto e le più grandi. Esempi: Sinfonia n. 9; Sonata per pianoforte n. 32; Quartetto d’archi n. 16

Commenti