Liam Payne: “LP1” – Recensione album

0
1390

La laurea di Liam Payne da membro dei One Direction a stella solista è stata progettata per sembrare un’evoluzione hip hop sexy e sicura di sé, intrecciata con il cool stile Justin Timberlake. Oltre a dare un senso di maturità all’atteggiamento dell’icona della boy band e alle sue scelte musicali, i ritratti fumosi del 26enne filtravano sulle copertine di riviste patinate ovunque.

Apparentemente Payne era pronto a cantare esplicitamente sulla sua forte sessualità. Sfortunatamente, su “LP1” lo fa con convinzione limitata o qualcosa che si avvicina alla sensualità. Il problema qui è la formula dolorosamente rigida a cui aderisce la cantante: è così carente di originalità o autenticità.

Parlando più e più volte di sudore, preliminari e fantasie, ‘LP1’ può contenere testi suggestivi, ma non un minuto dei suoi 55 risultati ha un umore sexy.

Su Live Forever, con Cheat Code, anche Liam sembra annoiato. Rude Hours, nel frattempo, è una festa da rabbia totale in cui non riesce a perdere le sue sensibilità esistenti. Strip That Down è semplicemente il più imbarazzante tentativo britannico di R&B che i grafici abbiano mai sopportato.

Forse è la consegna dei testi che sembra così ingegnosa e scomoda. Forse è l’immagine forzata di questa nuovissima spinta e rettifica Liam Payne. Ma, semplicemente, la mancanza di diversità nel suo materiale lascia ‘LP1’ completamente stagnante.

C’è molto di più in un buon R&B oltre a cantare più volte lo scambio di fluidi corporei. Anche le icone del sesso più scandalose della musica, come Madonna o George Michael, hanno esplorato temi e stili contrastanti nella loro carriera. Ha ancora molta strada da fare prima di poter contemplare un lascito anche solo un loro decimo, ma riconoscere la loro versatilità sarebbe un inizio.

L’album di Payne sembra un prodotto a catalogo: confezionato e consegnato completo di tutti i comfort e gli espedienti pertinenti, ma senza un’oncia di stile o design. Questi battiti vuoti e senz’anima sono troppo inappropriati per i giovani bopper e del tutto vacui per gli adulti. Liam, questo è un ascolto doloroso. Voto 2/5

Commenti