Le canzoni da ascoltare prima della fine del 2020

Sei un tipo che faceva scintille sulla pista da ballo o preferisci stare sul tuo comodo divano avvolto in una calda coperta? Chiunque tu sia, ce n'è per tutti i gusti. Ecco le canzoni che qualsiasi appassionato di musica non può perdersi in questo 2020.

0
2990
Hayley Williams, autrice di una delle canzoni imperdibili del 2020

Manca ancora qualche giorno alla fine del 2020 e per tutti gli appassionati di musica c’è ancora un ultimo compito da svolgere: ascoltare queste canzoni a dir poco eccezionali. È ancora un mistero il motivo per cui alcuni brani ottengano successo (talvolta immeritato) ed altri no. Per cui riescano a scalare le top ten delle radio e a diventare delle hits. Ma non vi preoccupate, perchè ci siamo noi a dare spazio alle canzoni che nel 2020 avrebbero meritato più attenzione.

Le migliori canzoni del 2020 per scatenarvi: chi vuole ballare?

Anche voi nostalgici delle notti brave trascorse sulla pista da ballo? Per coloro a cui mancano i concerti, i festival o le discoteche, qui troverete qualche brano che fa al caso vostro. Qualche canzone del 2020 che ancora non conoscete, ma che siamo sicuri vi farà scatenare anche nella solitudine del vostro salotto. Quindi, chi vuole ballare?

Hayley Williams – Dead Horse (Hot Chip Remix)

Originariamente prodotta da Hayley Williams, la nuova versione di Dead Horse è un remix degli Hot Chip. Noti nel panorama musicale per i loro remix, gli Hot Chip sono una band inglese di musica indietronica. Che, come suggerisce il nome, è un genere indie con dei richiami elettronici nella melodia.

Carl Stone – Bojuk

Nonostante abbia passato i sessanta da un pezzo, Carl Stone è ancora uno dei compositori più al passo con i tempi in circolazione. Genio della musica elettronica, in attività sin dai primi anni settanta, ha sfornato nel 2020 una canzone impedibile per gli amanti del genere.

E per i malinconici? Ecco le canzoni del 2020 più adatte

E chi non vuole ballare? Il 2020 ha prodotto canzoni adatte anche alle anime più malinconiche, che amano crogiolarsi ogni tanto nella nostalgia dei tempi andati. Magari su un divano avvolti da una calda copertina. Ecco i brani che fanno per voi.

Lily Kershaw ft Goody Grace – Now & Then

Now & Then è, come si suol dire, un brano figlio del suo tempo. E quale periodo migliore per pubblicare una canzone solitaria e malinconica se non il 2020? Due voci ed una chitarra sono sufficienti a trasmettere tutto il dolore ed il senso di isolamento che mai come quest’anno abbiamo sperimentato tutti. Chi più, chi per fortuna meno.

"So you're scared and alone
On the couch and you're stoned
You're longing to feel
[...]
Remember the rooftop parties
Remember the friends"

Tayla Parx – Dance Alone

A dispetto del titolo, Dance Alone non è in realtà un brano adatto alle piste da ballo. Non è scritto e prodotto per scatenarsi, quanto bensì per dare speranza. Pubblicata durante un anno in cui di speranza ne era rimasta ben poca, Dance Alone è una delle canzoni specchio del 2020. Scritta e cantata dalla musicista ed autrice Tayla Parx, associata di solito a nomi importanti come Ariana Grande, questa volta a deciso di lavorare in solitaria e di ballare da sola, appunto. Se dopo aver ascoltato il brano vi chiederete come mai non sia diventato una hit, sappiate che non siete i soli a porvi la domanda.

Grace Potter ft Marcus King, Jackson Browne and Lucius – Eachother

Scritta il quinto giorno di lungo lockdown, Eachother è una delle canzoni simbolo di questo 2020. Malinconicamente speranzosa è un incitamento ad abbracciare da un lato la solitudine e dall’altro la solidarietà. Perchè “We’ve got each other, and for now that’s enough” (“abbiamo gli uni gli altri, e per ora è abbastanza”).

Le canzoni più fascinosamente strane del 2020

Ci sono canzoni che non possono essere descritti con altre parole se non “strano”. E certamente non sarà il più esplicativo tra gli aggettivi, ce ne rendiamo conto. Eppure non si trova un altro modo. Perchè ci sono canzoni che vi trasportano in un mondo così folle e quasi distopico che per quanto ci si sforzi non è possibile descriverle a parole. E adesso ve ne renderete conto.

Suuns – Fiction

Fiction significa finzione, e mai titolo fu più azzeccato. Ascoltate attentamente questa canzone e se riuscite tenete gli occhi incollati al video per tutti i suoi tre minuti di durata. Credetemi, al termine di quest’esperienza avrete qualche difficoltà a rientrare nella realtà. La “finzione” creata dalla grafica e dalla melodia così fastidiosamente coinvolgente vi trascineranno in un mondo mai conosciuto prima. Buon viaggio!

Y.O.G.A – Your Devotion (SebastiAn remix)

Impedibile brano della musica elettronica, è stato rilasciato nel dicembre del 2020. Remix della più nota Your Devotion pubblicata qualche mese prima.

Henry Pope – Ngene

Per concludere, ecco un’ultima indescrivibile canzone di questo 2020. Basti pensare che per comporla l’autore Henry Pope ha sovrapposto i suoni della chitarra a quelli della kalimba. Che per coloro che come me non sanno cosa sia, specifichiamo essere una particolare arpa africana. Lo sentite quel ritmo un po’ esotico?


I migliori album del 2020 che non avete ancora ascoltato

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here