IT – Capitolo 2: Pennywise sta arrivando!

0
2424

Restano solo tre giorni nel conto alla rovescia dell’attesissimo IT – Capitolo 2, il film tratto dal romanzo horror scritto da Stephen King nel 1986.

Una storia che negli anni ha avuto molto successo, infatti dal libro era già stata tratta un’omonima miniserie televisiva nel 1990, mentre la prima parte del racconto è apparsa sui grandi schermi nel 2017 con la direzione del regista e sceneggiatore argentino Andrés Muschietti. In Italia il film è riuscito ad incassare 1.2 milioni di euro nel primo giorno, raggiungendo un incasso totale di € 11.292.148. Oltre ad essere diventato l’horror con l’incasso più alto della storia, IT si trova anche all’ottava posizione nella classifica dei film con il maggiore incasso dell’anno 2017. Proprio per questi motivi il ritorno di IT è più atteso che mai.

Il Secondo Capitolo è nuovamente ambientato nella cittadina di Derry, ma ci troviamo a 27 anni di distanza. I ragazzini del “club dei perdenti” sono diventati adulti, le loro vite sono andate avanti, ma la voglia di sconfiggere una volta per tutte il pagliaccio Pennywise non è mai passata. Solo Mike non è mai andato via da Derry, ed è proprio lui a iniziare a sospettare il ritorno di IT e a far in modo che tutti i suoi amici – ormai lontani dalla città – rimangano fedeli a quella promessa fatta da bambini. Pennywise è tornato veramente, nuovi bambini iniziano a scomparire misteriosamente dalla città, ma soprattutto iniziano a riaffiorare le vecchie paure e i traumi infantili di ogni protagonista.

Ed è proprio questa la genialità dell’horror di Stephen King: IT altro non è che le paure che ogni persona ha nella propria vita. Si nutre della paura dei personaggi che incontra, assumendo tutte le forme possibili, trasformandosi in qualsiasi cosa riesca a scatenare terrore nella vittima. Il nome stesso, IT dall’inglese “questo”, fa intendere che la sua vera natura non è chiara, nessuno conosce la sua vera forma. Nel primo capitolo del film, i bambini capiscono che l’unico modo per sconfiggerlo è unirsi per affrontare finalmente le proprie paure. Basterà anche questa volta? Oppure IT è tornato più forte di prima?

Curiosità

Pare che Pennywise sia ispirato a tre diversi clown realmente esistiti negli Stati Uniti: il primo è il Clown Bozo, famoso nel piccolo schermo americano nei programmi per bambini negli anni ’60 e ’70; il secondo è Clarabell presente nell’Howdy Dowdy Show, famoso nella metà degli anni ’50; il terzo è il famosissimo Ronald McDonald, il clown simbolo del fast-food più famoso, apparso per la prima volta nel 1963.

Stephen King si trova in Colorado quando nasce l’idea di Pennywise, una creatura che avrebbe dovuto spaventare i bambini: <<Pensai “Ci metterò più mostri possibile, un vampiro, un lupo mannaro, e anche la Mummia”. Ma poi ho pensato “Ci dev’essere un mostro che possa racchiuderli tutti, qualcosa di orribile, grottesco, una creatura che non vorresti mai vedere”. Quindi ho pensato “Cosa spaventa i bambini più di ogni altra cosa al mondo?” E la risposta fu “I clown”>>.

Curiosità sugli attori del cast: Bill Hader – attore comico che nel film interpreta Richie – si è trovato per la prima volta a recitare in un film horror, dichiarando di aver avuto molte difficoltà a mostrare paura, poiché la sua naturale reazione quando è spaventato è quella di ridere in maniera nervosa.

Bill Skarsgård (Pennywise) ha dichiarato di essersi divertito molto sul set rispetto al primo capitolo del film, poiché durante le riprese del 2017 gli fu vietato di avere contatti con i bambini protagonisti, affinché fossero realmente spaventati nel trovarselo davanti per la prima volta. Inoltre l’attore ha dichiarato di aver avuto diversi incubi alla fine delle riprese del film, in cui doveva lottare con Pennywise proprio come accade ai protagonisti del film.

Cosa ne pensa il padre di IT, Stephen King, del secondo e ultimo capitolo sul pagliaccio più pauroso della storia?: “Lo scontro finale è epico!”.

Leggi anche: IT 2, il film durerà quasi quanto Avengers: Endgame

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here