Grazie a Bérurier Noir il rock alternativo arriva nelle collezioni della BNF

0
245
Bérurier Noir

Divise tra “musica colta” e musica contemporanea, le collezioni musicali della BNF accolgono per la prima volta il punk francese nei suoi archivi, grazie alle donazioni di Bérurier Noir e Masto, membri dell’eminente band degli anni 80.

Chi sono i Bérurier Noir?

Se i Bérurier Noir hanno regnato sul punk francese negli anni ’80, è con ovvia discrezione che ora entrano a far parte delle prestigiose collezioni musicali della Bibliothèque Nationale de France. Il 17 giugno, Benoît Cailmail, vicedirettore del Dipartimento di Musica della BNF, e François Guillemot (alias Fanfan, FanXoa, François Béru) hanno annunciato l’arrivo di una pletorica collezione Bérurier Noir – tra altre band e progetti DIY – nel Dipartimento di Musica della BNF, che fino ad allora era stato sede di musica classica e contemporanea.


Suck it Up è il nuovo singolo di Edward Sansom


Un pozzo senza fondo

Contattato da Franceinfo Culture, Benoît Cailmail è rimasto molto sorpreso dalla profusione e dallo stato di conservazione degli archivi di François Guillemot. “Per dirla tutta, mi aspettavo una scatola da scarpe con due foto e tre pezzi di carta, e anche questo sarebbe andato bene. Quando ho scoperto la ventina di scatole e ciò che contenevano a casa di François Guillemot a Lione, sono rimasto piacevolmente sorpreso“. Per la prima volta la BNF accoglie il rock alternativo tra le sue mura. Non avrebbe potuto sognare niente di meglio: “Quello che mi ha fatto più piacere è la completezza di questa collezione. È fantastico. Non si tratta solo di pura creazione musicale, perché contiene tutto ciò che ha alimentato l’universo, non solo musicale, di Les Berus.”

Attivismo e trasmissione con Bérurier Noir

È vero che non poteva esserci persona migliore di François Béru, per documentare accuratamente questo grande periodo del rock alternativo francese. “Ho visto subito l’interesse di una tale proposta, sia al fine di trasmettere un sapere alternativo a livello testuale, grafico, musicale, visivo o organizzativo, implementando il Do It Yourself a cui Bérurier Noir ha dato un grande contributo, ma anche al fine di ricercare i processi di creazione musicale alternativa in Francia negli anni ’80 e ’90”, scrive sul suo sito. Da questo periodo intransigente del punk francese, Béru ha riportato una collezione di archivi che comprende stampe di prova su vinile, più di 1.500 foto, documenti politici e culturali bozze di canzoni, partiture, disegni, archivi grafici.

Il futuro di No Future

Oltre ai suoi archivi cartacei e sonori, la donazione di François Guillemot alle biblioteche musicali della BNF comprende anche tutta una serie di oggetti utilizzati per i concerti happening di Bérurier Noir (costumi, zanne in bocca, maschere e nasi finti di maiale, come descritto da franceinfo). Si tratta di veri e propri tesori controculturali che sono ora alla portata di tutti i ricercatori in erba che vogliono documentare la creazione musicale in Francia nei prossimi anni, o addirittura decenni. Come sottolinea franceinfo Culture, François Guillemot prevede anche di fare una presentazione dettagliata della collezione Bérurier Noir durante una giornata di studio dedicata al gruppo nel 2022. Anche se l’evento sarà legato al PIND (Punk Is Not Dead), un laboratorio di ricerca sulla storia del punk, e non alla BNF, l’istituzione vuole comunque proporre una mostra sulla scena alternativa francese nel prossimo futuro. Da lì a dire che il BNF porterà i semi del famoso slogan di Les Bérus (“La jeunesse emmerde le Front National”) per tutte le generazioni future – e nessun futuro – il passo è breve.

Commenti