Festa Roma: Quentin Tarantino e Tim Burton Premio alla Carriera

0
195
Festa di Roma:

E’ sicuramente un colpo magistrale messo in atto dalla Festa del Cinema di Roma, quello di portare contemporaneamente due leggende del cinema Tim Burton e Quentin Tarantino.

Cosa faranno Tim Burton e Quentin Tarantino alla Festa del Cinema di Roma.

Alla 16ma edizione della Festa di Roma (14-24 ottobre) saranno ospiti Tim Burton e Quentin Tarantino che riceveranno il Premio alla Carriera e avranno un incontro ravvicinato con il pubblico.

Le loro parole

“C’è stato un momento della mia vita in cui guardavo qualsiasi film italiano, e ho dedicato gli anni migliori della mia carriera a realizzare la mia versione di questi film», ha commentato il regista di Pulp Fiction, mentre Burton ha citato Federico Fellini, Mario Bava e Dario Argento come «importanti fonti di ispirazione nella mia vita”.

Altri ospiti

Tra gli altri ospiti, la scrittrice Zadie Smith, una delle voci più potenti e acute della sua generazione, protagonista di un Incontro Ravvicinato e, infine in programma anche un’ampia retrospettiva sull’opera di Arthur Penn curata da Mario Sesti.

Festa Roma: I film della nostra vita

Per la sezione I film della nostra vita questa volta tocca ai Guilty Pleasures, vale a dire quei prodotti cinematografici “leggeri” o non del tutto riusciti ma ritenuti, allo stesso tempo, assolutamente irresistibili. Come nelle precedenti edizioni, prima di ogni proiezione gli spettatori potranno assistere a brevi sequenze a tema di celebri film. Quest’anno toccherà ai più famosi ‘duelli’ della storia del cinema.

Laura Delli Colli

“L’Auditorium Parco della Musica resterà il fulcro della Festa del Cinema, ma quest’anno verranno coinvolti numerosi altri luoghi: fra questi, il MAXXI – Museo nazionale delle arti del XXI secolo, la Casa del Cinema, Rebibbia, il circuito delle Librerie Indipendenti è alcune sale cinematografiche della città”, sottolinea Laura Delli Colli a inizio incontro stampa.

Festa Roma: Antonio Monda

“Si è creato – dice – come un imbuto per i tanti film disponibili e che sono anche pronti per la sala”. Il cinema italiano? “Quello che ho visto è mediamente di buon livello, ma specialmente due mi hanno convinto è spero di portarli al festival”, dice Monda. Certo, aggiunge il direttore artistico: “la pandemia ha anche i suoi vantaggi perché, se necessario, c’è sempre l’alternativa streaming per coinvolgere un attore o un regista, ma sia ben chiaro nessuna operazione digitale vale una di presenza. Ci auguriamo così che con i vaccini ci si possa permettere a ottobre di poter fare più festa”.

Commenti