Bombshell – La voce dello scandalo| Recensione

0
1562
bombshell la voce dello scandalo

Bombshell – La voce dello scandalo è il film che racconta lo scandalo di abusi interni a Fox News scoppiato nel 2016. Charlize Theron, Nicole Kidman e Margot Robbie sono le protagoniste, eccellenti, di questa storia realmente accaduta.

Questo racconto di misoginia e politica reazionaria si trasforma in un dramma nel film diretto da Jay Roach e scritto da Charles Randolph, con Nicole Kidman nei panni di Carlson e John Lithgow in quelli di Roger Ailes. Charlize Theron è Megyn Kelly, presentatrice di Fox News, che ha fatto infuriare la fanbase di Fox News sfidando Trump sui suoi atteggiamenti contro le donne prima delle elezioni. Margot Robbie interpreta Katya Pospisil, la “influencer cristiana” su Instagram che immagina di poter andare avanti alla Fox e si sottomette, quasi in un sogno, all’umiliazione richiesta.

bombshell la voce dello scandalo

Bombeshell – La voce dello scandalo

Il film racconta la storia vera di Roger Ailes, CEO del canale Fox News, e del suo segreto legato alle molestie sessuali a discapito delle donne interne al suo network. L’ex prima donna del canale, Gretchen Carlson, presenta con successo una causa contro di lui, rivelando il segreto di cui tutti sapevano: aver ricevuto delle proposte (e in alcun casi degli abusi) sessuali in cambio di avanzamenti di carriera. La coraggiosa causa di Carlson viene sostenuta da altre sei donne e il capo di Ailes, 76 anni, Rupert Murdoch, lo licenzia.


The Loudest Voice, lo scandalo di Roger Ailes arriva su Sky


Le contraddizioni di Bombshell

È un film strano in qualche modo. Passa da momenti potenti e penetranti, a momenti confusi con personaggi quasi incapaci di decidere sulla loro stessa storia. Ailes è il cattivo, ovvio, ma Murdoch, interpretato nel cameo da Malcolm McDowell, è quasi presentato come il bravo ragazzo, che interviene per dare un lieto fine alla storia. Nonostante il titolo del film, la causa Carlson / Ailes non fu una bomba come lo furono le rivelazioni di Harvey Weinstein un anno dopo. Ciò può essere dovuto al fatto che l’accusatore di Ailes non era una femminista.


Dopo le rivelazioni di Bolton, arriva un altro libro shock su Donald Trump


Lo sfondo etico del film

Bombshell riesce a mostrare come l’abuso si manifesta nell’ambiente aziendale. Il film mostra che le molestie sessuali e il bullismo non sono questioni separate ma fanno parte del continuum della coercizione. Descrive uno scenario inquietante in cui una giornalista femmina più giovane viene portata a bere da un capo maschio che chiede brutalmente sesso in cambio di un avanzamento di carriera. Si mostra come l’istinto della donna spaventata è di perdonare quest’uomo, di fingere che non stia accadendo, anche scusandosi: “Mi dispiace se ti ho dato l’impressione che il nostro rapporto potesse essere tutt’altro che professionale …”

Carlson e Kelly sono le vittime del bullismo maschile e c’è una scena davvero avvincente in cui Carlson, già retrocessa in una trasmissione pomeridiana, si ribella al sistema andando in onda senza trucco. Ailes fa un errore grossolano nello studio, urlandole in faccia che nessuno vuole vedere una donna di mezza età che suda. Umiliata, Carlson può solo ripondere: “Grazie per il consiglio!”.

Trailer e dove vedere Bombshell

Il film è disponibile su Amazon Prime Video e sulle seguenti piattaforme streaming.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here