Black Keys: le radici del blues in “Delta Kream”

1
163
Black Keys

I Black Keys decidono di rendere omaggio al blues con questo nuovo disco intitolato Delta Kream.

Chi sono i Black Keys?

I Black Keys sono un duo statunitense che fa garage rock. Daniel Auerbach (voce e chitarra) e Patrick Carney (batteria) si conoscono da bambini e condividono la stessa passione per la musica. Patrick Carney aveva addirittura una sala di incisione nel proprio seminterrato. La storia dei Keys comincia lì: la band di Daniel salta le prove e Patrick si posiziona alla batteria. I due cominciano a improvvisare e nasce la prima canzone del duo. Nel 2002 esce The Big Come Up, il primo album. Lo stile dei due è subito chiaro: un garage rock fatto di chitarre sferraglianti e un solido groove. Non mancano accenni al blues, al quale il duo strizza l’occhio da sempre.

Black Keys: “Delta Kream”

Con Delta Kream i Black Keys decidono per un salto nel passato: un viaggio indietro nel tempo, nel Delta del Mississippi, la regione dove nacque il blues. Daniel Auerbach e Patrick Carney riprendono vecchi brani, che già grandi nomi della scena blues fecero propri, e li rivisitano. Lo stile è quello al quale ci hanno abituati: un rock senza troppe pretese e ben eseguito. Fare proprio il blues di John Lee Hooker, Big Joe Williams e Robert Lee Burnside non è impresa facile. Il duo cerca di arricchire le atmosfere d’altri tempi di queste 11 tracce, proponendo sfumature rock e R&B. Il risultato è qualcosa di molto diverso rispetto agli originali.

Il disco

La band registra il disco nelle pause del tour di Let’s Rock, ultimo album prima di Delta Kream. Nei brani c’è anche la mano di Kenny Brown, chitarrista slide del bluesman Junior Kimbrough, e di Eric Deaton, già bassista di Burnside.

Commenti