XF2020: Meconi e i Melancholia

0
910
Leo Meconi a XF2020

Continuano le esibizioni di XF2020, X Factor Italia, e due sono i concorrenti del momento: Leo Meconi e i Melancholia. Ma chi è l’influenza che Mika cita per il gruppo indie? E perché Meconi, patito di Springsteen, ha scelto proprio Glen Hansard per accompagnarlo sul palcoscenico?

Sul palco di XF2020 si susseguono passato e presente, tradizione e nuove idee. Nonché canzoni originali a profusione, come se ogni concorrente avesse la sua storia da raccontare. Ci si commuove per Beatrice, che racconta al pianoforte la sua esperienza con la dislessia. Travolge l’energia trap-reggaeton di Vergo, che gioca con l’autotune per creare nuove, affascinanti sonorità. Accolto a pieni voti il rock and roll dei Grate Soul, un promemoria che la carriera musicale di Jaden Smith ha ancora molto dove andare. E poi ci sono loro, i due fenomeni più completi del palco: due generi completamente diversi, ma due volte doppio sì. Scopriamo qui le influenze dei Melancholia e di Leo Meconi – oltre a Springsteen, il cui amore è stato fin troppo chiaro.

 XF2020 – I Melancholia e gli HVOB

“Conoscete gli HVOB?”, chiede Mika al termine della performance dei Melancholia, che li promuove a pieni voti nella gara. E i cantanti della straziante Leon li conoscevano eccome. Sono tuttavia meno conosciuti al di fuori della sfera alternativa, ma a tale mancanza bisognerebbe assolutamente supplire, perché il loro talento non merita di essere confinato all’Europa. Il gruppo è un duo di elettronica con la voce di Anna Müller e la produzione di Paul Wallner – struttura che ricorda gruppi come i Karmin, gli Alunageorge, i Lion Babe, o anche Billie Eilish col fratello Finneas. E per restare in tema Eilish, la voce sottile della Müller non passerà sicuramente inosservata. Chi ricorda la hit del 2013 My Head Is A Jungle, del dj Wankelmut e con la voce di Emma Louise ne riconoscerà certo delle similitudini nella loro musica. Più hardcore però, inclusi dei pizzichi di tropical house e di basso. Certo, la voce graffiante che cantava Leon non si adatta molto ai toni ariosi della Müller, ma in fondo è bene che sia così. Gli HVOB in fondo stanno bene nel loro mondo di stramba musica alternativa, a sentirvisi speciali e accogliere il loro pubblico. Si spera solo che quel pubblico cresca, dopo che sono stati menzionati alle orecchie di tutto il paese. 

XF2020 – Her Mercy e Leo Meconi

Si possono immaginare le facce sorprese del pubblico di XF2020 – e sicuramente si sono viste quelle dei giudici – all’udire che il giovanissimo Leo Meconi non solo ha seguito Bruce Springsteen dal vivo per più di trenta volte, ma ha anche suonato con lui. Le riprese dal vivo lo confermano: il Boss, vedendo un cartello del ragazzo tra il pubblico in cui gli chiedeva di suonare per lui la chitarra, ha esaudito il suo desiderio. Eppure non è Springsteen che viene mostrato ai quattro giudici: a conquistarli sarà invece Her Mercy, traccia di Glen Hansard del 2015. La canzone è presente nell’album Didn’t He Ramble, classificatosi terzo nella classifica della sua natia Irlanda – una traccia acustica ma anche fumosa, molto autoriale. L’elemento più memorabile della traccia è la voce dolce e sottile di Hansard, uno strumento a sé stante che sembra interpretare tutti i sentimenti assieme. Un certo affetto, ma anche una vena dark, poiché il soggetto femminile della canzone sembra essere allo stesso tempo la vita e la morte. In ogni caso lei verrà, quando avete bisogno della sua pietà. A XF2020, Meconi sarà uno dei favoriti, e la maturità che mette in mostra non ne è che una prova.

Infine un ultimo fatto su Glen Hansard: il cantautore irlandese ha vinto nel 2007 il premio Oscar per Miglior Canzone Originale, con la traccia Falling Slowly. Essa proviene dal film irlandese Once (Una Volta), con protagonisti lo stesso Hansard e un’abituale collaboratrice, la grande pianista Markéta Irglová. Dal film è stato tratto un musicale 2013, intitolato Once: la colonna sonora, curata dallo stesso Hansard, ha vinto un Grammy Award per Miglior Album di Teatro Musicale. 

Commenti